Pesaro, sfuma "l'incarico" e loro
minacciano l'avvocato: condannati

Sfuma "l'incarico"
e loro minacciano
l'avvocato: condannati
di Luigi Benelli
PESARO - Minacce ad avvocata, condannati i due imputati per tentata estorsione. Facciamo un passo indietro per capire come si è arrivati alla sentenza di ieri mattina. Un moldavo di 34 anni e un italiano di Auditore di 42 anni sono stati accusati di tentata estorsione in concorso perché prima avrebbero accettato la proposta di un ragazzo bulgaro, che per conto dell’avvocata, avrebbe chiesto loro di mettere in pratica un’aggressione nei confronti di un altro avvocato. L’obiettivo era, secondo le indagini, quello di aggredirlo per fargli cessare di svolgere l’attività forense. Un attacco che sarebbe stato ricompensato con 4-5mila euro. Ma le cose poi hanno preso un’altra piega perché il bulgaro ha fatto sapere ai due che la professionista rinunciava alla commissione dell’aggressione. I due, per tutta risposta, avrebbero minacciato gravi ritorsioni nei confronti dell’avvocatessa e del tramite, il ragazzo bulgaro, qualora non avessero comunque dato 1500 euro a titolo di “ristoro del disturbo” e delle spese sostenute per l’organizzazione dell’aggressione
 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 9 Novembre 2018, 04:05 - Ultimo aggiornamento: 04:05