Pesaro, l'orafo Perlini dona alla città
il negozio a fianco di Casa Rossini

Martedì 18 Ottobre 2016
La casa natale di Gioachino Rossini

PESARO – Bel gesto dell’orafo Perlini che fa un regalo alla sua città, Pesaro, e alla sua memoria rossiniana, confidando di aver esaudito un desiderio della moglie, purtroppo scomparsa.
L’immobile di via Gavardini  confinante con Casa Rossini, appartenente ad Adriano Perlini, sarà donato al Comune. La delibera di accettazione delle volontà del noto orafo pesarese è stata approvata in mattinata dalla giunta comunale. Si tratta di un negozio al piano terra, di 45 metri quadrati, di particolare interesse storico artistico, «dal momento che condivide – si legge nel testo -  una corte interna con il complesso seicentesco della casa natale» del compositore, acquisita dal Comune nel 1892 e dichiarata monumento nazionale nel 1904. L’immobile manterrà un vincolo di destinazione per finalità culturali. Donante (Perlini) e beneficiario (Comune) concordano sulle condizioni del passaggio della piena proprietà: «Accettiamo con profondo riconoscimento, ringraziando a nome della città Adriano Perlini e la sua famiglia. Un atto di grande rilevanza, anche in vista del 150esimo rossiniano. Per la sua collocazione l’edificio sarà molto utile per sviluppare mostre, conferenze e programmi collegati all’attività museale di Casa Rossini», sottolinea il sindaco Matteo Ricci. «La donazione è nata dal desiderio espresso da mia moglie, Osmilde Gabucci, scomparsa lo scorso aprile. Una volontà che ho pienamente condiviso», spiega Perlini. Il Comune subentrerà nel contratto di locazione attualmente in vigore, per l’uso dei locali oggetto della donazione, fino alla prima scadenza utile (1 dicembre 2021). Da quella data il contratto di locazione non sarà più rinnovato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA