I proprietari escono per i regali di Natale, i ladri entrano per rubare. Il furto scoperto al rientro a casa

Lunedì 21 Dicembre 2020 di Luigi Benelli
Intervento della polizia

PESARO - Tanto rumore per nulla (o poco nulla), verrebbe da dire. Una casa messa tutta sottosopra con le stanze messe a soqquadro e solo per rimediare pochi spicci come bottino finale. I ladri hanno colpito ancora e lo hanno fatto nel tardo pomeriggio di sabato quando i proprietari di una abitazione in via Velino, nel quartiere di Vismara, erano fuori per lo shopping prenatalizio.

LEGGI ANCHE:

 

Intorno alle 20, quando sono tornati per la cena, la brutta sorpresa: hanno aperto la porta di casa e hanno trovato tutta l’abitazione in disordine con cassetti e armadi svuotati e i vestiti e quanto altro gettati sul pavimento alla rinfusa. I ladri hanno rotto il vetro di una finestra e sono entrati facilmente nell’appartamento senza che nessuno li notasse. Alla fine è stato più il danno per il vetro, e l’arrabbiatura per degli estranei che hanno rovistato dappertutto, che altro. I malviventi si sono infatti dovuti accontentare di appena 70 euro in contanti e di un paio di bracciali da bambino, per un valore modico. Il furto è stato denunciato alla polizia che è intervenuta con una pattuglia della squadra volante per i rilievi di legge. Nonostante le restrizioni di questo semi lockdown i ladri sono sempre pronti e attenti a colpire negli orari in cui i proprietari sono assenti. Il numero di colpi in casa è comunque in calo, vista la maggior permanenza di persone nelle case, tanto che bande di ladri sono concentrati sui negozi. La risposta delle forze dell’ordine è alta e proprio in settimana la squadra mobile ha arrestato due ragazzi rumeni di poco più di 18 anni autori di cinque furti ai danni di esercizi commerciali come Casa Fazi Poke, Marikella sul lungomare Nazario Sauro, all’Hotel Napoleon e infine dai Geme in Baia Flaminia. Un paio di giorni fa arrestato anche un rumeno di 38 anni a Fano con un furgone rubato pieno di oggetti, attrezzi e vestiti ancora con le placche antitaccheggio. Da segnalare sabato pomeriggio anche l’intervento di due pattuglie della squadra volante allertate per una possibile rissa in zona porto. Alcuni residenti di via Caboto hanno chiamato le forze dell’ordine intorno alle 17 per un violento litigio tra alcuni ragazzi in strada. L’atmosfera era tesa e tutti sembravano alticci, in preda ai fumi dell’alcol. Sul posto è arrivata la polizia ma i ragazzi si erano già sparpagliati e resi irreperibil. Qualcuno dai balconi aveva infatti urlato di fare basta e di aver chiamato le forze dell’ordine. Proseguono come ogni settimana anche i controlli al parco Miralfiore, ma nelle ultime battute non è stata ritrovata la droga nonostante l’ausilio dei cani. Prima i pusher erano soliti nasconderla tra i cespugli per evitare di essere presi con lo stupefacente addosso, ma pare abbiano cambiato modus operandi perché i ritrovamenti sono minori.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA