Conti in sospeso di droga: missione punitiva contro due studenti, uno picchiato e sequestrato per ore

Domenica 22 Maggio 2022
Conti in sospeso di droga: missione punitiva contro due studenti, uno picchiato e sequestrato per ore

PESARO - Una spedizione punitiva, per conti in sospeso di droga. Mattinata di paura al campus scolastico, dove un gruppo di almeno sei extracomunitari ha aggredito un giovane studente dell’Ipsia Benelli. Erano circa le 8,45 quando il ragazzo è stato accerchiato e violentemente picchiato dal branco. 

 

L’agguato

Sarebbero almeno tre i ragazzi riconosciuti dal giovane come studenti della stessa scuola. Calci e pugni in tutte le parti del corpo. Trattenuto e malmenato per quasi due ore è riuscito ad approfittare di un momento di disattenzione del gruppo per fuggire e mettersi in salvo nascondendosi all’interno del vicino liceo Marconi. Lo studente sarebbe anche stato rapinato del cellulare. Poi viste le sue condizioni qualcuno ha chiamato un’ambulanza del 118 è stato trasportato al pronto soccorso in codice giallo con segni di percosse in tutto il corpo. 
Ma la mattina non è finita lì. Gli aguzzini si sono spostati al liceo scientifico Marconi, che si trova sempre all’interno del campus scolastico per aggredire un altro studente, anche lui oggetto delle attenzione del branco per dei sospesi probabilmente di droga Ha tentato di nascondersi dentro la scuola, ma è stato comunque seguito e picchiato davanti a tutti. Il personale scolastico ha allontanato il gruppo e poi ha dato l’allarme ai carabinieri che sono intervenuti. I militari stanno stringendo il cerchio nei confronti dei sei ragazzi stranieri. Uno degli aggrediti è minorenne, l’altro neo maggiorenne: entrambi italiani. Le loro testimonianze saranno decisive per arrivare a incastrare e denunciare i responsabili, ma sembra questione di ore. Il motivo del pestaggio riguarderebbe dei conti in sospeso per affari di droga. Il dirigente scolastico del liceo Scientifico sottolinea che «uno dei due aggrediti si è rifugiato nell’atrio dello scientifico. Il branco ha tentato di entrare, ma il personale scolastico l’ha allontanato. Come scuola forniremo tutte le registrazioni delle telecamere per arrivare a identificare i responsabili di questa spedizione punitiva. Un atto gravissimo che si commenta da solo.

Il preside

«Sembra di essere nel Bronx, - continua il preside Riccardo Rossini - non siamo abituati a tanta brutalità, non lo è la città nè il campus scolastico. Questo è indice di un cambiamento repentino della società pesarese, soprattutto tra i giovani». Non è la prima volta che accade un pestaggio al Campus. Era il febbraio 2019 quando dodici minorenni aggredirono alcuni ragazzi del liceo scientifico subito dopo il suono della campanella. Li aspettavano proprio. Ma il motivo vero lo si è scoperto adesso. Si erano lanciati offese durante la ricreazione, con alcune considerazioni sull’origine marocchina di alcuni di loro. 

 

Ultimo aggiornamento: 23 Maggio, 08:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA