Pesaro, palo della luce crolla sull’insegna dell’hotel. Dopo neve e ghiaccio, territorio sferzato dal forte vento

Lunedì 15 Febbraio 2021
Il palo crollato sulla struttura

PESARO Dopo la neve, che ha comunque avuto vita brevissima, ieri i disagi più intensi li ha creati il vento. Sferzata da raffiche di 50 chilometri all’ora soprattutto la zona del lungomare dove nella giornata di ieri sono stati una decina gli interventi dei vigili del fuoco.

 

 

In tutta l’area, anche nella strade alle spalle della zona mare, i vigili hanno controllato tutte le piante, eliminando i rami pericolanti e quelli caduti a terra con il rischio di ostruire il passaggio di auto, bici e pedoni. Il mare in burrasca con le sue grandi onde è arrivato a invadere le spiagge.
L’intervento più concitato quello di ieri mattina intorno a mezzogiorno, in viale Trieste all’altezza dell’incrocio con via Leonardo Da Vinci. Un palo dell’illuminazione pubblica, probabilmente usurato dal maltempo e dalla salsedine, ha ceduto sotto la spinta del vento è ed piombato sulla strada fermando la sua caduta sulla grande insegna dell’Hotel Ambassador. Fortunatamente nessuno è rimasto coinvolto anche perché palo e insegna sono poi finiti sulla struttura perimetrale di un gazebo, ma in tanti hanno sentito il rumore provocato dal crollo. I vigili del fuoco hanno messo la strada in sicurezza e poi liberato palo, insegne e gazebo. 
Ventosa per definizione anche Urbino ieri ha pagato la persistenza delle raffiche. Vari gli interventi dei vigili del fuoco ducali per rami e piante pericolanti.
Le temperature registrate nel corso della giornata si sono assestate tra 1 e 6 grado, proseguendo la striscia di giorni piuttosto freddi. Fortunatamente l’allerta provocata dalla neve ha prevenuto il problema del ghiaccio con le spargisale più volte uscite nelle strade. Se al risveglio ieri mattina, i cruscotti delle auto erano gelati ma già al primo sole tutto era tornato alla normalità. 
Ritorno sostanziale alla normalità anche nell’hinterland, a Ponte Valle, Ginestreto ,Sant’Angelo in Lizzola e Vallefoglia dove la neve era caduta abbondante, ieri ne rimanevano solo tracce. Più resistente invece la neve caduta nel Montefeltro, a Urbino, Carpegna, Montecipiolo dove comunque le strade sono tutte percorribili e dove, a differenza di sabato, non si sono registrati fuori strada di auto..

Persiste invece il problema della telefonia mobile: le comunicazioni si interrompono all’improvviso costringendo gli utenti a chiamare più volte anche se va detto che spesso, e non solo in caso di maltempo, si registrano disservizi del genere.
Per oggi il meteo indica temperature tra lo 0 e i 6 gradi, ma anche il sole pieno mentre da domani inizieranno le piogge progressivamente sempre più intense fino a venerdì

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA