Lavori in piazza del Popolo a Pesaro con i teschi e gli scheletri "archiviati"

Lavori in piazza del Popolo a Pesaro con i teschi e gli scheletri "archiviati"
Lavori in piazza del Popolo a Pesaro con i teschi e gli scheletri "archiviati"
di Miléna Bonaparte
3 Minuti di Lettura
Martedì 4 Ottobre 2022, 07:25

PESARO  - C’è fretta in piazza del Popolo per ricoprire lo scavo archeologico e dare il via ai lavori di ripavimentazione lungo il disegno originario della seicentesca Ragnatela. Nulla da stupirsi se anche in questo caso gli architetti della Soprintendenza delle Marche e della direzione dei lavori del Comune abbiano deciso di interrare tutto, dopo aver prelevato i reperti più interessanti da studiare.

Era successo lo stesso per l’abitazione di epoca romana con decorazioni a mosaico di piazzale Matteotti, venuta alla luce tra il 1999 e il 2000 durante i lavori di demolizione della vecchia stazione delle corriere. La domus e i resti di una strada basolata che documentano fasi di vita dal I al IV secolo sono tornati nel silenzio sotterraneo perché non sarebbero state trovate risorse sufficienti per il recupero e la fruibilità.  Una storia, insomma, che si ripete. Ora che i teschi, gli scheletri e le vestigia medievali vanno in archivio, l’attenzione è tutta rivolta alla ricostruzione filologica della caratteristica decorazione a tela di ragno della piazza. Un disegno che risale al 1621, alla nobile casata dei Della Rovere e al genio dell’architetto Nicolò Sabbatini che la creò in occasione delle nozze di Federico Ubaldo con Claudia de’ Medici. Il tutto fu restaurato successivamente nel 1733.

La delibera dei lavori è nel verbale del consiglio comunale del 23 giugno di quell’anno. La gara d’appalto fu vinta dal muratore Giovan Battista Togni il 28 giugno. I listoni di pietra d’Istria di Rovigno furono lavorati dagli scalpellini Giuseppe e Francesco Ascani, che firmarono il capitolato il 3 luglio 1733. Il lavoro iniziò il 7 ottobre e terminò nel dicembre sotto la direzione del conte Giovanni Vattielli, incaricato dal Comune di sovrintendere l’opera.

Dopo l’appello dello studioso Roberto Malini del comitato Pesaro città d’arte e cultura alla Soprintendenza perché si utilizzino i sanpietrini originali, se necessario da restaurare, per ricostruire la decorazione a Ragnatela, ora un altro storico locale afferma: «Le pietre antiche andavano lasciate dov’erano per essere sostituite solo quelle rotte oppure mancanti. Comunque il danno è ormai fatto, perché sono state tutte rimosse dalla loro posizione originaria e anche se adesso volessero ricollocare le metterebbero a casaccio. Si tratta di un lavoro fatto come se avessero dovuto lastricare la piazza di Baia Flaminia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA