Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pesaro, paura per un ambulante positivo al Coronavirus con sintomi: ha partecipato a diversi mercati

Pesaro, paura per un ambulante positivo al Coronavirus con sintomi: ha partecipato a diversi mercati
Pesaro, paura per un ambulante positivo al Coronavirus con sintomi: ha partecipato a diversi mercati
di Gianluca Murgia
3 Minuti di Lettura
Domenica 26 Luglio 2020, 04:05

PESARO - Un ambulante del Pesarese, titolare di un banco di abbigliamento presente in alcuni dei maggiori mercati del nostro territorio, ha dovuto sospendere l’attività: una decina di giorni fa è risultato positivo al Coronavirus. Contagiato anche un familiare, seppure in forma asintomatica. 

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, ancora 24 ore con zero morti: nelle Marche nessuna vittima da quaranta giorni/ Il contagio nelle regioni in tempo reale

Tornano a crescere dopo mesi i ricoverati per Coronavirus nelle Marche: ce n'è uno in più a Pesaro


L’allarme è scattato la scorsa settimana dopo aver palesato febbre, raffreddore e malessere. Complicato, al momento, ricostruire quando e dove sia avvenuto il contagio, visto che l’uomo avrebbe sempre osservato tutte le prescrizioni in materia nei luoghi di lavoro. Con la sua bancarella, però, ha girato diversi mercati locali ed è quindi stato a contatto con diverse persone. L’ambulante, appreso della positività, ha immediatamente osservato gli obblighi di legge lasciando vuoto lo spazio a lui riservato nei vari mercati della provincia di Pesaro e Urbino in cui aveva regolare postazione di vendita.
 
Paura no, attenzione crescente sì. Anche perché nella provincia di Pesaro e Urbino sono ancora 241 i casi (di cui 4 sono operatori sanitari), attualmente, in isolamento domiciliare: 180 asintomatici e 61 sintomatici. Al momento c’è una persona ricoverata in Terapia Intensiva nell’Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord e un’altra nel reparto di Malattie Infettive. 

C’è da chiedersi se e in che tempi siano stati attivati quantomeno i controlli tra i clienti abituali dell’ambulante e colleghi delle bancarelle vicine in tutte le piazze frequentate, per perimetrare quanto più possibile l’area di eventuali contagi. Il Gores - Gruppo Operativo Regionale per le Emergenze Sanitarie - ieri ha peraltro comunicato la presenza di due ulteriori contagiati in provincia di Pesaro e Urbino: sono due cittadine straniere. Questi due nuovi casi registrati sono entrambi “positivi di rientro”, non collegati tra loro. Si tratta, nel dettaglio, di due donne, entrambe sui 30 anni: una albanese e una macedone rientrate in Italia due settimane fa. Una delle due aveva patologie pregresse ed è stata ricoverata nel reparto di Malattie Infettive di Marche Nord. Solo quarantotto ore fa, sempre nella nostra provincia, era stato rilevato una positività a Macerata Feltria: un uomo del posto di 44 anni. Probabile, in questo caso, che il contagio si sia verificato all’interno del contesto famigliare visto che, il mese scorso, era stato il padre dell’uomo a risultare positivo.

Stasera a Fermignano, nell’ambito delle celebrazioni della patrona Santa Veneranda, alle 17.30 il virologo professor e concittadino fermignanese Roberto Burioni sarà omaggiato di un attestato di benemerenza e una medaglia del Caradosso raffigurante Donato Bramante

© RIPRODUZIONE RISERVATA