Coronavirus, febbre e colpi di tosse, la docente si autoisola: timori per un intero istituto

Coronavirus, febbre e colpi di tosse, la docente si autoisola: timori per un intero istituto
Coronavirus, febbre e colpi di tosse, la docente si autoisola: timori per un intero istituto
di Jacopo Zuccari
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Marzo 2020, 11:15

MONDOLFO - Il Coronavirus tiene con il fiato sospeso i docenti dell'istituto comprensivo Fermi di Mondolfo all'indomani della scoperta che un docente di Fano - che insegna a Monte Porzio - è stato trovato positivo al Covid 19 e, per di più, è anche un soggetto asintomatico. Nella giornata di lunedì un'insegnante della scuola primaria Moretti di Mondolfo ha accusato dei sintomi influenzali con febbre e tosse ricorrente. La docente ricorda di essere stata a contatto con il professore risultato positivo al Coronavirus durante una riunione di lavoro insieme ad altri colleghi alla Moretti di Mondolfo e facenti parte del medesimo istituto comprensivo.

LEGGI ANCHE:
Allarme Coronavirus: aumentano i contagi salgono a 83. Due i morti, oltre 400 in isolamento. Le Marche costrette a richiudere tutto, dalle scuole alle manifestazioni

Rianimazione e Icaro: anche l’emergenza soffre per l’infezione. In quarantena 7 anestesisti e l'equipaggio



Da domenica, su indicazione dell'autorità sanitaria, la docente mondolfese aveva già deciso di mettersi in quarantena volontaria ma l'insorgere della febbre l'ha indotta a contattare il numero d'emergenza 1500 e ottenere le indicazioni da seguire in maniera ancora più scrupolosa. La donna, di 48 anni, ieri mattina non presentava comunque altri sintomi importanti: «Lunedì non mi sentivo molto bene e mi sembrava ha detto l'insegnante spiegando i suoi timori di avere brividi di febbre. E nel corso della giornata soprattutto la sera ho verificato infatti che la temperatura corporea mi era salita oltre i 37 ma non ha superato i 38. Oggi (ieri ndr) non mi è tornata la febbre ma per precauzione, essendo una collega del docente che è già risultato positivo al Coronavirus, ho contattato il numero d'emergenza incrementando ancor più le precauzioni oltre alla quarantena volontaria in casa che sto seguendo da domenica dopo che è stata comunicata la positività del collega».
 

La docente, residente a Mondolfo, ha svolto nel pomeriggio del 24 febbraio alla Moretti di Mondolfo insieme ad altri 10 colleghi una riunione di lavoro nell'ex aula della biblioteca. Il corso è durato un paio d'ore. Lunedì scorso sono comparsi sintomi come tosse e febbre, arrivata fino a 37,9. Ieri mattina stava meglio e non accusava febbre. Per sicurezza sanitaria, sarà effettuato un controllo con tampone per poter escludere un contagio da Coronavirus. In un'interrogazione il consigliere comunale di Mondolfo Massimiliano Lucchetti richiede intanto di dotare il personale degli uffici comunali di adeguate protezioni: «Vista l'emergenza in atto legata al Covid 2019 nel territorio nazionale e considerato il decreto del presidente del consiglio dei ministri del primo marzo che prolunga la chiusura delle scuole sino all'8 marzo e che inserisce la nostra provincia fra le zone gialle. Da notizie di stampa si è appreso che negli uffici pubblici comunali e regionali d'Italia si sono registrati casi di soggetti positivi. Dato che numerosi dipendenti comunali per il loro servizio quotidiano sono a diretto contatto col pubblico è importante rafforzare ulteriormente l'attività di prevenzione raccomandata dalle circolari ministeriali. Quali misure igienico-sanitarie ha adottato la giunta Barbieri a prevenzione e protezione dal Covid 2019 dei dipendenti comunali che svolgono servizi a diretto contatto col pubblico?».
La sanificazione
Il consigliere Lucchetti richiede inoltre una sanificazione e disinfezione straordinaria di tutti gli edifici scolastici e dei mezzi di trasporto ad uso scolastico che gravitano nel territorio del Comune di Mondolfo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA