Artista pesarese dona un Putin condottiero e lo "zar" ringrazia per il maxi ritratto

Artista pesarese dona un Putin condottiero e lo "zar" ringrazia per il maxi ritratto
Artista pesarese dona un Putin condottiero e lo "zar" ringrazia per il maxi ritratto
di Gianluca Murgia
3 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Settembre 2022, 08:02

PESARO Da Urbino a Mosca: il dipinto raffigurante Putin condottiero a cavallo, realizzato dall’artista ducale Franco Baldelli, sarà esposto in qualche parete nobile del Cremlino. L’effigie equestre del presidente russo, immagine che trasuda potere, mito iconografico fin dai tempi del Napoleone di Jacques-Louis David, ha letteralmente conquistato Vladimir Putin che ha voluto personalmente rispondere al pittore urbinate.

Chiarissima e sorprendente la missiva dell’Ambasciata russa che si è visto recapitare Franco Baldelli, che solo due mesi fa aveva deciso di donare a Putin questa sua opera realizzata nel 2012 - in tempi quindi non sospetti ma già di dichiarata ammirazione - alta oltre 2 metri, raffigurante il presidente russo a cavallo come in un dipinto di Vélàzquez. Putin in persona ha visto e apprezzato il grande quadro. Fondamentale, anche nell’operazione di consegna, il supporto e la regia del pesarese Mauro Murgia, ambasciatore della Repubblica dell’Ossezia del Sud e gran conoscitore dei meccanismi russi.

«A nome del presidente della Federazione russa Vladimir Putin - ha scritto e firmato “cordialmente” l’ambasciatore in Italia per la Russia, Sergej Razov - vorrei ringraziarla di cuore per le gentili parole nei confronti della Russia, nonché per il prezioso dono che ha voluto cortesemente inviare al leader russo. Con grande piacere le comunico che la sua opera è stata trasmessa a Mosca. Colgo l’occasione, Egregio Maestro, per augurarle ogni successo nella sua attività creativa, buona salute e benessere». Non solo: l’artista marchigiano potrebbe presto essere ospitato a Mosca.

Il maestro Baldelli ha conseguito il diploma di maturità e di magistero d’arte all’Istituto di Belle Arti di Urbino, vincitore della cattedra di Disegno e Storia dell’Arte dei liceli e magistrali, ha parallelamente realizzato personali e collettive anche a Parigi (1985) e in Svizzera (2002). Numerosi i riconoscimenti ottenuti tra i quali, per due volte, il premio Marco Aurelio del Senato della Repubblica. Attualmente sta esponendo all’Hotel Alexander Museum le sue illustrazioni della Divina Commedia: esposizione sorprendente quanto affascinante.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA