Rievocazioni storiche: fondi erogati a sei manifestazioni. Ecco chi è stato premiato

Rievocazioni storiche: fondi erogati a sei manifestazioni. Ecco chi è stato premiato
Rievocazioni storiche: fondi erogati a sei manifestazioni. Ecco chi è stato premiato
3 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Settembre 2022, 07:00

APECCHIO - Sono state pubblicate le graduatorie relative al bando “Manifestazioni e rievocazioni storiche” per le annualità 2022 e 2023, ai sensi della legge regionale 23 luglio 2018 numero 29 “Valorizzazione e sostegno delle manifestazioni di rievocazione storica”. Si dice pienamente soddisfatto il consigliere regionale Giacomo Rossi che fa parte del comitato attuativo che valuta le domande di adesione secondo i requisiti riconosciuti dalla stessa legge regionale. 

 
Il consigliere soddisfatto
«Specifico innanzitutto - sottolinea Giacomo Rossi - che, come prevede la normativa, possono beneficiare del contributo quegli eventi storici trentennali e continuativi che abbiano fatto domanda di adesione all’elenco regionale di manifestazioni storiche». Nella provincia di Pesaro-Urbino «sono stati finanziati il “Corteo ducale e grande giuoco dell’Aita” con la regia di Ars Urbino Ducale con 25mila euro per annualità e un totale di 50mila euro; il “Palio storico del giuoco dell’oca” a cura dell’associazione giochi storici di Cagli, con 25mila euro per annualità e 50mila euro in tutto; la “Caccia al cinghiale” fiore all’occhiello dell’associazione pro loco di Mondavio, con 20mila euro per annualità e 40mila euro in tutto».

Non finisce qui lascia intendere Rossi perché «con l’assestamento di bilancio che sarà a breve ratificato, altre risorse saranno aggiunte per finanziare le nuove manifestazioni ammesse del cui iter mi sono occupato di persona. Sempre per quanto attiene la provincia pesarese si tratta del “Palio dei Conti Oliva” a cura della pro loco di Piandimeleto alla quale vanno in tutto 15mila euro; 10mila euro sono destinati al “Palio della rocca” a cura della pro loco di Serra Sant’Abbondio; 5mila euro alla “Passio” organizzata dalla Pro loco di Serravalle di Carda, Apecchio per il solo 2023 in quanto non si è svolta quest’anno».


«Vorrei esprimere un sentito ringraziamento all’assessore al bilancio Guido Castelli per il finanziamento alle nuove manifestazioni ammesse dalla legge e dal comitato - sottolinea Giacomo Rossi, al quale va riconosciuto un impegno costante per la promozione e la valorizzazione anche delle tradizioni locali più longeve e significative che richiamano da sempre il pubblico delle grandi occasioni -. Si tratta di contributi reali e fattivi che fanno vivere le nostre tradizioni e bellissime manifestazioni che creano lustro ed indotto turistico al nostro territorio». 


Il requisito dei 30 anni
Con questi provvedimenti escono rafforzate le casse delle singole associazioni al lavoro in pratica tutto l’anno per ottenere il meglio nel momento opportuno, ma anche stimolati quanti si prodigano con progetti di vario genere e in piena sintonia con i gruppi di programmazione. Viene così redatta una prima mappa delle manifestazioni caratteristiche che hanno il compito di ravvivare i centri storici da valorizzare per le loro ricchezze architettoniche. Senza esagerare un intento qualificato e di pieno rispetto nei confronti di rassegne che riscoprono pagine di storia di città e ducati; accomunano la gente che riscopre il valore dello stare insieme all’insegna, spesso e sovente, anche del migliore campanilismo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA