Afa, bollino arancione in tutte le Marche
​Ecco le due città più torride fino a 38°

Afa, bollino arancione in tutte le Marche Ecco le due città più torride fino a 38°
Afa, bollino arancione in tutte le Marche ​Ecco le due città più torride fino a 38°
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 20 Luglio 2022, 17:05 - Ultimo aggiornamento: 17:19

ANCONA - Il caldo africano stringe la sua morsa torrida anche sulle Marche. E l'allarme, relativo alla siccità e alle alte temperature, non tende a placarsi: il caldo aumenterà ancora in vista del fine settimana

GUARDA LE PREVISIONI

Il servizio di Protezione Civile regionale, contrassegna infatti tutte le città delle Marche con il bollino giallo (Sono previste temperature elevate che non rappresentano un rischio rilevante per la salute della popolazione, ma che possono precedere il verificarsi di condizioni di rischio. Pre-allerta dei servizi sanitari e sociali) per oggi, mercoledì 20 luglio, e domani, ma le cose cambiano da venerdì, con tutte le città contraddistinte dal bollino arancione (Sono previste temperature elevate e condizioni meteorologiche a rischio in particolare per i sottosistemi di persone suscettibili. Allerta dei servizi sanitari e sociali).

Le città che si affacciano sulla costa saranno le più fresche, anzi forse meglio le meno calde, mentre nell'entroterra si suderà di più: ad Ascoli e Macerata è infatti prevista una temperatura percepita di 38 gradi, a Fabriano 37.

Le previsioni

Ma quando si smorzerà l'ondata di caldo? Secondo gli esperti di 3bmeteo, non presto: «Il periodo sotto osservazione è quello di fine mese, 27, 28 e forse anche 29. Le regioni che potrebbero beneficiare maggiormente del temporaneo refrigerio quelle settentrionali e parte del Centro, prevalentemente lato Adriatico. Sul resto della Penisola non ci sarebbero sostanziali novità rispetto al periodo precedente con il grande caldo che continuerebbe senza sosta. Attenzione perché quella di cui stiamo parlando è una tendenza, non è detto che debba avvenire e soprattutto che possa avvenire in questi termini». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA