Da oggi scattano i saldi anche nelle Marche, si aspetta l’effetto meteo. Cna stima 150-160 euro a consumatore

Confcommercio prevede un +4,5% di acquisti rispetto al 2022 per l’estate in ritardo

Da oggi scattano i saldi, si aspetta l effetto meteo. Cna stima 150-160 euro a consumatore
Da oggi scattano i saldi, si aspetta l’effetto meteo. Cna stima 150-160 euro a consumatore
di Lorenzo Sconocchini
2 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Luglio 2023, 03:05 - Ultimo aggiornamento: 11:34
ANCONA Partono oggi nelle Marche, in contemporanea con quasi tutte le altre regioni italiane, i saldi estivi, che termineranno il 31 agosto. Con previsioni di spesa che vanno dai 208 euro in media per ogni famiglia marchigiana, stimati da Confcommercio Marche (ma solo per i capi d’abbigliamento), a una somma tra i 150 e i 160 euro a consumatore, stando all’indagine condotta da Cna Commercio e Turismo. 


Quest’anno la tradizione dello shopping a prezzi scontati sarà condizionata dal meteo, dopo una primavera segnata da piogge e temperature sotto la media. «Il maltempo – sottolinea il direttore generale di Confcommercio Marche Massimiliano Polacco - non ha favorito le vendite in particolare per gli articoli legati al mare e all’estate. Il mese di maggio è stato caratterizzato da tempo brutto e anche a giugno ci sono state poche giornate di caldo e di sole. Tanti hanno atteso l’arrivo del caldo per fare acquisti per l’estate entrante ed anche per questo c’è un’aspettativa alta per i saldi da parte dei commercianti. Gli scenari che dovrebbero prospettarsi sono dunque positivi e dovremmo avere a consuntivo numeri superiori rispetto all’anno scorso».


208 euro a famiglia


Confcommercio Marche si aspetta un aumento di circa il 4,5% rispetto all’anno scorso, con un budget familiare in media di 208 euro (circa 92 euro pro capite) per l’acquisto di capi scontati. Da quest’anno, ricorda l’associazione, saranno applicate le nuove regole del Codice del Consumo su sconti, promozioni, liquidazioni e vendite on line. Tra le novità, la principale riguarda la questione della chiarezza degli sconti applicati a partire dal prezzo iniziale.
«I saldi daranno certamente una mano - sono convinti il segretario Cna Marche Moreno Bordoni e la responsabile regionale Cna Commercio e Turismo Lucia Pistelli - ma non riusciranno a ribaltare l’andamento negativo delle vendite di abbigliamento estivo, in particolare negli esercizi commerciali tradizionali. Le piogge e le temperature inferiori alle medie stagionali hanno inciso fortemente, fino a pochi giorni or sono, sulle vendite. E ora, il timore dei nostri associati è che, a stagione inoltrata i consumatori compreranno di meno. Questo malgrado il reddito disponibile delle famiglie, secondo i dati Istat elaborati dal Centro Studi Cna Marche, sia aumentato, nel primo trimestre del 2023 del 3,2% rispetto al trimestre precedente». Secondo i dati Cna le imprese di commercio al dettaglio del sistema moda, interessate dai saldi, nelle Marche sono 2.791 con 8.800 addetti. Uno spaccato importante dell’economia regionale, per il quale i saldi rappresentano una importante boccata di ossigeno.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA