Aree relax con piscina riscaldata: prendono forma le nuove terme. Previsti molteplici servizi

Domenica 17 Ottobre 2021 di Carla Passacantando
Aree relax con piscina riscaldata: prendono forma le nuove terme. Previsti molteplici servizi

TOLENTINO  - Una struttura sanitaria riabilitativa e per le cure termali di eccellenza al posto del vecchio stabilimento di imbottigliamento delle acque delle Terme: i lavori di abbattimento della vecchia struttura, chiusa da anni, sono iniziati già da diversi giorno e la sua riedificazione consentirà di disporre di spazi adeguati a una struttura d’avanguardia.

 

Il progetto prevede al piano terra del nuovo stabile una reception e i servizi; ospiterà l’area vasche termali, le saune, bagni turchi, percorso kneipp, frigidarium, aree relax, un ristoro, l’area cure termali, una piscina riscaldata che si svilupperà anche all’esterno. 


Al primo piano, invece, ci sarà l’area ambulatoriale. Sarà presente, inoltre, un piccolo volume interrato per locali tecnici connessi con l’immagazzinamento e il trattamento delle acque delle piscine e termali. Prevista anche la realizzazione di un piazzale d’ingresso di limitate dimensioni, mentre le aree a parcheggio saranno create nei lotti adiacenti, acquistati di recente dall’Azienda specializzata settore multiservizi. La nuova reception sarà collegata all’edificio centrale delle Terme con un ascensore che sarà realizzato grazie a un finanziamento della Regione che ha riconosciuto il progetto proposto da Assm – Terme Santa Lucia tra gli interventi pubblici strategici. I lavori al nuovo complesso sono finanziati con i fondi Ue e in parte dall’Assm.

L’importo complessivo finanziato con tali fondi è pari a 3.200.000 metà per efficientamento energetico e metà per quota sismica. L’importo dell’intervento complessivo, invece è di oltre 5,3 milioni di euro. La durata dei lavori è fissata in 365 giorni. Il recupero dello stabile della dismessa attività industriale dell’imbottigliamento è considerato da Comune e Assm un’occasione importante per la riqualificazione dell’intera area del complesso termale Santa Lucia, imprescindibile per un rilancio sia strutturale che funzionale. 

La sospensione dell’attività dell’imbottigliamento dell’acqua oligominerale Santa Lucia risale al 2009, in quanto l’attività non venne più ritenutastrategica. Da allora lo stabilimento è chiuso, in quanto non è più stata presa in considerazione l’eventualità di una ripresa dell’attività. Per contro, l’attività delle Terme ha subito una profonda trasformazione, ampliando attività e servizi che hanno consentito la realizzazione del grande progetto che è stato avviato. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA