Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Furto degenera in rapina in un bar di Tolentino: identificata e denunciata una coppia quarantenne

Furto degenera in rapina in un bar di Tolentino: identificata e denunciata una coppia quarantenne
Furto degenera in rapina in un bar di Tolentino: identificata e denunciata una coppia quarantenne
3 Minuti di Lettura
Domenica 14 Agosto 2022, 13:47 - Ultimo aggiornamento: 16 Agosto, 12:41

TOLENTINO  - Indagine a buion fine con il Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Tolentino che ha identificato e denunciato all’Autorità Giudiziaria i due autori del furto, degenerato in rapina, avvenuto a Tolentino il 17 giugno 2022, intorno alle 22.00, all’interno del “Krizia’s Bar”. Si tratta di un uomo ed una donna, entrambi quarantenni, già noti alle forze dell’ordine per reati in materia di stupefacenti e contro il patrimonio.

Già nel corso del primo sopralluogo eseguito la notte dell’evento, grazie alle immagini riprese del sistema di video sorveglianza dell’esercizio commerciale, è stato possibile ricostruire che gli indagati si erano recati al “Krizia’s Bar” e che, mentre consumavano delle bevande, si erano impossessati di un profumo. Mentre stavano uscendo dall’esercizio la persona che li aveva serviti ha rivendicato il pagamento della merce. A questo punto i due avventori hanno aggredito prima verbalmente e poi fisicamente le due persone che in quel momento lavoravano nel bar; in particolare, l’uomo, appena uscito dal bar, è rientrato con il profumo in mano e, lasciatolo lì, ha strattonato e spinto il titolare dell’esercizio per riguadagnare l’uscita; in seguito, vistisi ripresi con il cellulare, con il quale era stato richiesto anche l’intervento dei Carabinieri, entrambi hanno minacciato di morte e ingiuriato le due persone presenti, cercando di strappargli il telefono dalle mani e aggredendoli e spingendoli. Hanno quindi lasciato rapidamente l’esercizio commerciale, allontanandosi a bordo di una utilitaria e facendo perdere le proprie tracce.

Le successive indagini hanno consentito di identificare compiutamente gli indagati e di rintracciarli in un comune limitrofo. Ad entrambi, deferiti alla Procura della Repubblica presso il tribunale di Macerata, è stato notificato l’avviso della conclusione delle indagini preliminari; essi dovranno rispondere in sede processuale del reato di rapina impropria in concorso ai sensi degli art. 110 e 628 secondo comma del codice penale. Si tratta del secondo reato della stessa indole scoperto dai carabinieri del NOR in poco più di un mese. In data 24 luglio i militari, guidati dal Sostituto Procuratore competente, avevano concluso le indagini per la rapina a mano armata verificatasi il giorno precedente all’autogrill lungo la superstrada della Val di Chienti (SS 77), con il fermo di polizia giudiziaria e la successiva sottoposizione a misura cautelare di due soggetti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA