Tolentino, crolla il laboratorio del miele
Quaranta milioni di api "senza lavoro"

Giovedì 1 Settembre 2016

TOLENTINO – Il terremoto ha causato gravi danni anche a molte attività produttive, tra cui la Premiata Apicoltura Sileoni. Quaranta milioni di api ferme. Il lavoro di generazioni finito sotto le macerie del tetto della Chiesa della Pace, luogo sconsacrato sì, ma eletto a laboratorio di uno delle più importanti aziende di miele della provincia. La Premiata Apicoltura Sileoni, a 50 chilometri da Arquata del Tronto e a 80 dall'epicentro, è fisicamente a terra. È una azienda leader che rifornisce la grande distribuzione e ha 800 famiglie di api, più o meno 40 mln di esemplari al lavoro in queste ore: ma purtroppo ora non si può raccogliere nessun miele, perchè tutti i macchinari «sono sotto un metro e mezzo di mattoni della volta a botte crollata - racconta il titolare Bruno D'Innocenzo - le scorte, i barattoli, tutto là sotto. È una vecchia chiesa del 1550, era privata, di famiglia. Ora mi devo sbrigare a riprendere a lavorare perchè sapete com'è il commercio: spietato. La chiamano concorrenza sapete? Qualcuno li chiama avvoltoi. La notte della scossa ci siamo avvicinati alle finestre della chiesa e dal tetto si vedevano le stelle. Si vede che siamo sopra una faglia, a tutta questa distanza dall'epicentro. A Tolentino ci sono stati danni, questo sì, ma solo noi siamo a terra»

© RIPRODUZIONE RISERVATA