Un fiume di eroina viaggia sulle strade: cinque arrestati con quasi mezzo chilo di droga

Venerdì 10 Gennaio 2020
Civitanova, un fiume di eroina viaggia sulle strade: cinque arrestati con quasi mezzo chilo di droga

CIVITANOVA - Eroina diretta a Porto Recanati, arrestate cinque persone. Sequestrato quasi mezzo chilo di “brown sugar”, avrebbe fruttato circa 45.000 euro. Uno degli arrestati ha accusato un malore, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. A bloccare il flusso di stupefacente diretto in provincia sono stati i carabinieri del comando provinciale di Macerata, agli ordini del colonnello Michele Roberti, che nella notte tra mercoledì e ieri sono stati impegnati in un servizio coordinato di controllo del territorio mirato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti in tutta la provincia. 
In totale sono state identificate 160 persone, cinque invece (quattro uomini - di cui 3 pakistani e un 40enne civitanovese - e una donna, una 41enne originaria del napoletano domiciliata a Porto Recanati) sono stati arrestati, mentre sono stati sequestrati 450 grammi di eroina e 525 euro trovati durante le perquisizioni personali.

LEGGI ANCHE:
«Provala se ti piace, ne ho molta». Spaccia cocaina a un poliziotto, condannato a 6 anni

L'imprenditrice cerca 16 operai: «Ma non li trovo, preferiscono il reddito di cittadinanza»

Gli arresti sono stati eseguiti in due distinti posti di controllo, uno a Civitanova e l’altro a Montecosaro. A Civitanova è stato arrestato un pakistano, incensurato, titolare di un esercizio commerciale all’Hotel House: i carabinieri hanno trovato un involucro in cellophane con due ovuli da 105 e 55 grammi di eroina “brown sugar”. A Montecosaro invece, i militari hanno fermato un’utilitaria con quattro persone a bordo, una coppia di italiani residenti a Porto Recanati e due pakistani di 34 e 28 anni. Trovato sotto il sedile lato passeggero un involucro in cellophane con due ovuli da 210 e 80 grammi di eroina “brown sugar”. Tutti e quattro sono finiti in manette, la coppia e il 34enne pakistano hanno precedenti di polizia, mentre il 28enne straniero è risultato essere irregolare, con un decreto di espulsione emesso dal prefetto di Macerata a maggio scorso. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA