P.S.Elpidio, «Paga o metto tutto in rete»
Scatta il ricatto online a luci rosse

Giovedì 3 Agosto 2017
Un agente della polizia postale al lavoro

PORTO SANT’ELPIDIO Un 57ettenne portoelpidiense incappa nella truffa a luci rosse, ricatto via web da 1.300 euro. Soldi da pagare dietro minaccia di mettere contenuti scottanti in rete. Un video in grado di rovinare la reputazione a chiunque con materiale pornografico e pedopornografico in circolazione. L’estorsione via web è la trappola nella quale è caduto un professionista di Porto Sant’Elpidio che credeva di aver fatto una conquista e invece è incappato nella sextortion. 

La storia risale a lunedì sera, erano le 22 circa e l’uomo, sposato, era nello studio davanti al computer mentre la moglie era al letto a dormire. Il giorno dopo il malcapitato ha dovuto bloccare il profilo facebook ed è stato costretto a contattare tutti gli amici per avvisarli. Dopo una notte insonne, ha denunciato tutto alla Polizia Postale ed è stato invitato a non pagare perché la situazione sarebbe potuta  peggiorare.
L’uomo rischia di vedersi incrinato anche il rapporto con la moglie che non capisce quale interesse il marito potesse avere nel chattare con una sconosciuta tanto più giovane di lui, che si è rivelata una “fake”. 
«Mi è arrivata la richiesta di amicizia su facebook – racconta lui - nella foto del profilo vedevo due ragazze carine di 22 e 25 anni, abbracciate tra loro. Ho accettato, come in precedenza avevo fatto con altri, perché ho visto che avevamo un amico in comune, ci sono cascato come un allocco».

«Tutto è cominciato con un “ciao come ti chiami? – il racconto - sono seguite altre domande a raffica tipo: come stai? Parli francese? Finché mi scrive “ti faccio una proposta”. Tutte frasi corte scritte in un italiano approssimativo. La conversazione si è riscaldata quando, dall’altra parte della tastiera, il finto profilo ha scritto “sono sola” e ha mostrato una foto hard in cui si vedeva «una bella ragazza nuda, seduta a gambe larghe» dice il portoelpidiense che ha risposto alla foto con un «sei bella, ma perché parli con me che sono tanto più grande di te?». E la risposta: «Mi piacciono gli uomini maturi». 

Quindi è arrivata la richiesta di 1.300 euro da versare subito in un centro Western Union.  Alla frase della falsa ragazza avvenente “se non paghi ti rovino la vita mettendo tutto online” il portoelpidiense non ha dato seguito, credendo che fosse tutto finito. E’ andato a dormire ma il giorno dopo è partito il sordido gioco, i link compromettenti online agli amici.  © RIPRODUZIONE RISERVATA