Fermo, in bus dal mare al centro: «Così cambia il nostro turismo»

Fermo, in bus dal mare al centro: «Così cambia il nostro turismo»
Fermo, in bus dal mare al centro: «Così cambia il nostro turismo»
di Francesca Pasquali
4 Minuti di Lettura
Sabato 30 Luglio 2022, 04:30

FERMO - Bilancio positivo per il primo mese di Fermo Summer Bus, il servizio di autobus dedicato ai turisti, che il mercoledì, giovedì e venerdì collega la costa fermana con il centro. Una ventina, finora, i biglietti staccati di media a corsa (costano due euro per andata e ritorno, si fanno a bordo e si possono pagare anche con il Pos).

Numeri destinati a crescere a stretto giro, assieme al flusso di turisti in arrivo sulla costa. In tutto, sono trentacinque le corse che si sono aggiunte a quelle abituali.


La scelta


Il servizio, infatti, ha “inglobato” quello che, già da qualche anno, collega litorale e centro nei giovedì di luglio e agosto, per il mercatino. Una novità doppiamente importante, per il sindaco Paolo Calcinaro, «per i camping ai quali si dà un servizio in più, permettendo ai turisti di raggiungere il centro e di viverne gli eventi e per l’incremento di turisti costieri in centro». Teatro dell’Aquila, Palazzo dei Priori e Cisterne Romane alcune delle immagini che campeggiano sui due bus della Steat, “brandizzati” con il contributo delle quindici strutture ricettive per famiglie della costa fermana (Camping Tre Archi, Villaggio turistico Residence Mare, Villaggio turistico Boomerang, Camping Quattro Cerchi, Villaggio Residence Riva dei Pini, Camping Valentina, Camping Gemma, Centro Vacanze Camping Spinnaker, Villaggio Camping Johnny, Camping Verdemare, Villaggio turistico Paradiso Camping, Girasole Eco Family Village, Residence Acquachiara, Residence Baiadosol, Residence Casabianca).


Il debutto


Per il neopresidente della Steat, Remigio Ceroni, il servizio rientra tra le missioni della società del trasporto pubblico locale perché «supporta i Comuni a dare un servizio migliore alle comunità» e «serve per valorizzare il territorio e per fare in modo che i turisti possano fruire delle sue bellezze e della sua ospitalità». L’idea, infatti, è di dedicare ogni serata a un target specifico. Il mercoledì, con le favole per i più piccoli, alle famiglie. Il giovedì, con il mercatino, un po’ a tutti. Il venerdì, con i musei aperti anche di sera, agli amanti dell’arte e della cultura. Con più turisti in centro non solo di giovedì, le attività si attrezzano e «tanti negozi si stanno organizzando per le aperture serali», fa sapere l’assessore al Commercio, Mauro Torresi.


Il varo


A ripercorrere le tappe che hanno portato al varo della novità estiva è Annalisa Cerretani. «L’idea – ricostruisce – è nata lo scorso inverno. Abbiamo contattato la Steat e cercato di capire le possibilità. L’importante è fare squadra. La condivisione è la forza di questo progetto». Per Cerretani, le immagini impresse sui bus parlano di «arte, storia e cultura che i turisti possono toccare con mano venendo a trovarci». Il servizio andrà avanti fino a fine agosto. Per capire se funziona, se i vacanzieri lo apprezzano e, quindi, se l’anno prossimo sarà riproposto, ci sarà da aspettare l’autunno. Per adesso, c’è da sapere che le fermate sono quelle del trasporto pubblico locale. Che, per la linea nord, la prima corsa parte dal terminal Dondero alle 17.20 e l’ultima a mezzanotte (da San Michele, capolinea, alle 17.50 e a mezzanotte e mezza). E che le tappe intermedie sono lungo la Provinciale Paludi, a Lido Tre Archi-Lido San Tommaso, a Casabianca e a Lido di Fermo. Stessi orari per la linea sud, con capolinea in località San Biagio e tappe intermedie a Marina Palmense e Santa Maria a Mare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA