Scopre spese fatte con la sua carta di credito, chiede spiegazioni e viene aggredito con calci e pugni. Scatta una denuncia

Sabato 21 Agosto 2021
Gli agenti di polizia della questura di Fermo

FERMO - Si accorge di due pagamenti fraudolenti con la sua carta di credito e scopre che sono stati effettuati in un locale vicino a quello in cui si trova. Riesce ad identificare chi li ha fatti e, alla richiesta di spiegazioni, viene insultato e preso a schiaffi e calci. Ora l'aggressore è stato identificato dalla polizia e denunciato.

Scena dell'episodio due chalet vicini sulla costa. Nel primo un fermano, che era a cena con gli amici, riceve due messaggi relativi a due pagamenti per 10 e 15 euro. Dopo aver accertato che nel proprio portafogli non c'era più il portatessere schermato in cui le custodiva, ha deciso di chiarire l'episodio. Sui messaggi era infatti riportato l'indirizzo del locale in cui erano state effettuate le transazioni, un altro chalet poco distante.

Qui si sposta la scena ed avviene il fattaccio. Il fermano ha chiesto spiegazioni alla cassiera che ha indicato una famiglia di turisti, padre, madre e due figli minorenni, ancora seduti a un tavolino. La richiesta di spiegazioni ha acceso gli animi, ne è nata una discussione nella quale il turista ha sotenuto di essere trattato ingiustamente da ladro e che ha deciso di concludere prendendo a schiaffi il fermano. La famiglia si è poi allontanata ma il padre ha deciso di tornare indietro, insultare di nuovo il fermano e colpirlo con un calcio e un pugno, prima di allontanarsi definitivamente. 

E' stato così richiesto l'intervento delle Volanti che, oltre a svolgere i primi accertamenti, hanno preso visione delle immagini delle teelcamere di sorveglianza, che sono state acquisite. Con questi elementi, gli agenti di polizia hanno avviato le indagini che hanno permesso di identificare l'aggressore, un turista residente nel Nord Italia, che è stato denunciato per indebito utilizzo di carte di pagamento e per i comportamenti violenti. Altri indagini in corso per accertare i responsabili della sottrazione delle carte di pagamento che osno state bloccate.

Ultimo aggiornamento: 13:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA