Caporalato, colpo di scena in tribunale: revocato l'arresto dell'imprenditore, è caccia ai due pakistani

Mercoledì 24 Novembre 2021 di Franco Limido
Caporalato, colpo di scena in tribunale: revocato l'arresto dell'imprenditore, è caccia ai due pakistani

FERMO - Nella mattinata di ieri il Tribunale del Riesame de L’Aquila ha annullato il provvedimento della misura cautelare agli arresti domiciliari, per sfruttamento del lavoro e caporalato, che era stato emesso nei confronti dell’imprenditore di Fermo, Massimo Vagnoni, 51 anni, difeso dagli avvocati Raffaele Mezzoni, del foro di Avezzano, e Amedeo Di Odoardo, del foro di Teramo.

 

Il blitz
Il 5 novembre scorso, l’uomo era stato arrestato, su ordine del Gip del Tribunale di Avezzano, Maria Proia, dopo un’attività investigativa condotta, tra i mesi di dicembre 2019 e marzo 2020, dalle Fiamme gialle e dall’Ispettorato del Lavoro nell’azienda agricola Valli di Marca che ha la sede a Trasacco. Oltre all’imprenditore di Fermo le misure cautelari, come avevamo riferito nei giorni scorsi dopo il blitz, interessarono anche tre pakistani: si tratta di Shah Mujahid Aussain, difeso dall’avvocato Felice Iacoboni, Muhammad Afzal e Iqbal Shafqat: questi due ultimi vengono ancora ricercati da parte degli inquirenti ma sembra che siano ritornati in patria per sfuggire all’arresto disposto dalla magistratura.


L’accusa
Secondo l’accusa gli indagati reclutavano manodopera per destinarla al lavoro presso l’azienda e costringevano gli addetti a un carico di lavoro per 10-12 ore al giorno, minacciandoli di licenziamento e negazione di ulteriori impieghi lavorativi in caso di un loro rifiuto alla paga di 5 euro lordi l’ora. Un caso che aveva fatto scattare l’indagine per caporalato anche se, ora, c’è l’annullamento degli arresti domiciliari nei confronti dell’imprenditore fermano che era rimasto coinvolto nella vicenda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA