In un mese positivi dimezzati, nove Comuni Covid free. In funzione tutti i centri vaccinali previsti

Martedì 20 Aprile 2021 di Francesca Pasquali
Il centro vaccinale di Fermo

FERMO - Calano i contagi. Migliora la situazione del Murri. Le vaccinazioni proseguono a ritmo sostenuto. Che la fine del tunnel sia vicina, stavolta, il Fermano ci spera davvero. E i numeri gli danno ragione. Quelli dei contagi parlano di 188 casi negli ultimi dieci giorni.

LEGGI ANCHE

Dopo aver sconfitto il Covid all'ospedale di Torrette, la famiglia Merloni dona un milione di euro all'associazione guidata dal dottor Tavio

Scuola, test salivari per il Covid agli studenti: come funzionano

 

Un trend in diminuzione, costante da inizio mese. Ieri, di nuovi casi ne sono stati registrati 10, domenica 23. A ritroso, 13 il 17, 26 il 16, 29 il 14, 5 il 13, 7 il 12, 14 l’11, 37 il 10. Un quadro in linea con quello regionale e che, assieme al calo dei ricoveri negli ospedali, fa pregustare il ritorno in zona gialla e il tanto atteso allentamento delle restrizioni. Ma i numeri possono cambiare in fretta. E un anno di pandemia l’ha fatto capire forte e chiaro. Per adesso, però, consentono un minimo di ottimismo.


Il quadro
In un mese, nella nostra provincia, i positivi sono dimezzati. Il 20 marzo erano più di 1.100, ieri circa 500. Tutti sotto cento contagi i quaranta Comuni del Fermano. Fermo, ieri, ne aveva 99, Porto Sant’Elpidio 97, Sant’Elpidio a Mare 65. A scendere, a Porto San Giorgio i positivi erano 29, a Montegranaro e Montegiorgio 21, ad Altidona e Monte Urano 14, a Grottazzolina 13, a Falerone e Montefortino 11. Sotto quota dieci Montappone (9), Servigliano e Torre San Patrizio (8), Pedaso e Ponzano di Fermo (7), Campofilone (6), Amandola, Lapedona e Monte San Pietrangeli (5). Belmonte Piceno, Francavilla d’Ete, Magliano di Tenna, Massa Fermana, Monte Vidon Corrado, Montefalcone Appennino, Montelparo, Montottone, Ortezzano, Petritoli e Santa Vittoria in Matenano, ieri, avevano meno di 5 positivi. Salgono a nove i Comuni Covid free. Sono Monsampietro Morico, Monte Giberto, Monte Rinaldo, Monte Vidon Combatte, Monteleone di Fermo, Monterubbiano, Moresco, Rapagnano e Smerillo. Diminuiscono anche le persone in quarantena. Ieri erano 782 (-24 rispetto a domenica), di cui 252 sintomatiche (-8). Otto gli operatori sanitati in isolamento. Notizie confortanti arrivano anche dal “Murri”, dove, ieri, i ricoverati positivi erano 53 (7 in Terapia intensiva, 20 in Malattie infettive, 26 in Medicina Covid). È tornato a svuotarsi il Pronto soccorso, per settimane in forte affanno.


La situazione
Esattamente un mese fa, i positivi nell’ospedale di Fermo erano 82. Un calo che fa ben sperare, ma che purtroppo non arresta la triste conta dei decessi. Due quelli avvenuti nelle ultime ore al Murri: un 92enne di Torre San Patrizio, morto domenica, e un 75enne di Fermo, deceduto ieri mattina. Sul fronte vaccinazioni, con l’apertura, ieri, del centro di Porto San Giorgio, il piano provinciale è a regime. Dopo l’avvio, sabato mattina, delle prenotazioni per la fascia d’età 65-69 anni, da ieri possono prenotarsi anche famigliari e caregiver degli estremamente vulnerabili e dei disabili gravi.


I centri
Alla Don Dino Mancini di Fermo, l’unico centro con il personale sanitario dell’Area vasta 4, sono in corso le vaccinazioni degli ultrasettantenni e dei pazienti fragili. Negli altri otto centri (Porto San Giorgio, Porto Sant’Elpidio, Sant’Elpidio a Mare, Montegranaro, Monte Urano, Petritoli, Falerone e Amandola) a vaccinare sono i medici di base.

© RIPRODUZIONE RISERVATA