Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, l'esercito russo invade nella notte il Donbass “indipendente”, il Consiglio di sicurezza dell'Onu: «Rischio guerra reale»

Ucraina, truppe russe invadono nella notte il Donbass indipendente , il Consiglio di sicurezza dell'Onu: «Rischio guerra reale»
Ucraina, truppe russe invadono nella notte il Donbass “indipendente”, il Consiglio di sicurezza dell'Onu: «Rischio guerra reale»
6 Minuti di Lettura
Martedì 22 Febbraio 2022, 11:47

Crisi Russia-Ucraina: Putin riconosce l'indipendenza del Donbass e di fatto l'annette a Mosca - così come aveva fatto nel 2014 in Crimea - inviando truppa definita il contrario di quello che è: non pacekeeping, ma d'invasione. E il consiglio di sicurezza dell'Onu si riunisce in piena notte per quello che è diventato il momento più grave e drammatico da quando è scoppiata la crisi. Minacciate di nuovo sanzioni, che anzi gli Stati Uniti hanno già lanciato sul versante finanziario sospendendo gli investimenti nel Donbass, ma intanto la Russia sfrutta le pause della diplomazia, mentre la Nato rafforza gli schieramenti nei pasi confinanti con l'Ucraina.

Quando l'alba era ancora lontana i corazzati russi hanno varcato il confine occupando ponti, strade e stazioni del Dombass. Le sferraglia dei carri armati rimbomba a Donetsk e Luhansk, capoluoghi delle due autoproclamate repubbliche filorusse in Ucraina che il leader russo ha riconosciuto sfidando l'Occidente. Dei quasi 4 milioni di abitanti del Donbass, un quarto è filorusso

La reazione di Kiev

«Siamo impegnati per la strada diplomatica ma siamo sulla nostra terra, non abbiamo paura di niente e di nessuno. Non daremo via niente a nessuno. Non è febbraio 2014», quando la Russia invase la Crimea, «ma è febbraio 2022». Lo ha detto l'ambasciatore ucraino all' Onu, Sergiy Kyslytsya, parlando alla riunione di emergenza del Consiglio di Sicurezza. Kyslytsya ha quindi precisato che i confini dell'Ucraina «non cambieranno». Kiev poi chiede a Mosca di rinunciare al riconoscimento delle Repubbliche autoproclamate del Donbass. «Chiediamo alla Russia di cancellare la decisione sul riconoscimento e di tornare al tavolo negoziale», ha affermato ancora l'ambasciatore. «Condanniamo l'ordine di dispiegamento di truppe addizionali nei territori dell'Ucraina. Chiediamo un ritiro immediato, completo e verificabile delle truppe di occupazione».

L'Onu

«Le prossime ore e giorni saranno critici. Il rischio di un grande conflitto è reale e deve essere prevenuto a tutti i costi». Lo ha detto il sottosegretario agli affari politici dell' Onu, Rosemary Dicarlo, alla riunione di emergenza del Consiglio di Sicurezza sull'Ucraina, assicurando «il pieno impegno del segretario generale a lavorare per una soluzione diplomatica dell'attuale crisi». «Ci rammarichiamo anche - ha aggiunto - per l'ordine di schierare truppe russe nell'Ucraina orientale, come riferito in una 'missione di mantenimento della pace».

La condanna di Berlino

«Il mio governo condanna la violazione dell'integrità territoriale e della sovranità dell'Ucraina da parte della Russia nei termini più forti possibili». Lo ha detto l'ambasciatrice tedesca all' Onu, Antje Leendertse, durante la riunione di emergenza del Consiglio di Sicurezza, sottolineando che la violazione di Mosca avrà «gravi conseguenze economiche, politiche e strategiche».

Putin

Il colpo da teatro è arrivato dopo una durissima arringa contro i dirigenti ucraini, accusati di ogni nefandezza, e contro l'Occidente. «L'Ucraina ha già perso la sua sovranità», diventando serva «dei padroni occidentali», ha attaccato lo zar. Per poi accusare la Nato di essere già praticamente presente sul territorio ucraino, minacciando direttamente la sicurezza della Russia. «In Ucraina le armi occidentali sono arrivate con un flusso continuo, ci sono esercitazioni militari regolari nell'ovest dell'Ucraina, l'obiettivo è colpire la Russia», ha affermato, aggiungendo che «le truppe della Nato stanno prendendo parte a queste esercitazioni, almeno 10 sono in corso, ed i contingenti Nato in Ucraina potrebbero crescere rapidamente».

Ucraina, la diretta

Ore 9. Prime sanzioni. La «prima raffica di sanzioni economiche britanniche contro la Russia» sarà resa nota oggi. Lo ha detto il premier britannico Boris Johnson, avvertendo che Vladimir Putin è deciso a «un'invasione su vasta scala dell'Ucraina». Lo riportano i media internazionali.

Ore 8.40. Comitato Cobra. Il premier britannico Boris Johnson sta presiedendo una riunione di emergenza del comitato Cobra del governo a Downing Street per discutere della situazione in Ucraina. Lo riporta Sky News, anticipando che durante la riunione dovrebbe essere deciso «un significativo pacchetto di sanzioni».

Ore 8 Turchia contro Mosca «La decisione della federazione russa è inaccettabile e la respingiamo». Lo fa sapere il ministero degli Esteri turco con un comunicato in riferimento alla decisione del presidente russo Vladimir Putin di riconoscere le autoproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk. Il riconoscimento della Russia dei territori autoproclamati è per Ankara «in contraddizione con gli accordi di Minsk e costituisce una chiara violazione dell'unità politica e dell'integrità territoriale dell'Ucraina», si legge nella nota che invita le parti ad «agire con buonsenso e a rispettare la legislazione internazionale».

Ore 7.30 Ucraina, soldati uccisiDue militari ucraini sono stati uccisi da bombardamenti la notte scorsa e altri 12 sono rimasti feriti: lo ha reso noto la Joint Forces Operation del ministero della Difesa ucraino in un rapporto pubblicato questa mattina. Lo riporta il Guardian. Il documento sottolinea che l' Ucraina ha registrato 84 violazioni del cessate il fuoco nelle ultime 24 ore da parte delle forze appoggiate dalla Russia, 64 delle quali con armi vietate dagli accordi di Minsk.

Ore 7 Invasione fotocopia La decisione di Mosca di riconoscere le Repubbliche autoproclamate di Luhansk e Donetsk nel Donbass ricalca quanto già fatto dalla Russia in Georgia nel 2008 con il riconoscimento di Ossezia del sud e Abkhazia. A sottolinearlo è stato l'ambasciatore ucraino alle Nazioni Unite Sergiy Kyslytsya intervenendo in nottata alla riunione dell'esecutivo Onu. «Oggi il Cremlino ha copiato e incollato parola per parola il decreto della Georgia del 2008», ha detto, alzando un foglio stampato. «Nessuna creatività», ha aggiunto. «La fotocopiatrice del Cremlino funziona molto bene.»

Ore 5 L'invasione Testimoni hanno riferito a Interfax che due colonne di veicoli blindati si trovano attualmente nella Repubblica popolare di Donetsk e si stanno spostando a nord e a ovest. Oggi il presidente russo Vladimir Putin, nel decreto di riconoscimento delle repubbliche separatiste, ha disposto anche l'invio di una forza di «peacekeeping» per questa fase di transizione.

 

Lista nera

La Russia ha creato «un elenco di ucraini da uccidere o di mandare nei campi». Un elenco che sarebbe pronto a rispettare nel caso in cui le forze russe dovessero invadere l'Ucraina. Lo scrive il Washington Post citando una lettera inviata dagli Stati Uniti al responsabile delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet. La lettera non è datata e cita la condotta della Russia in alcune parti dell' Ucraina che occupa e dove verrebbero già verrebbero condotti «uccisioni mirate, rapimenti/sparizioni forzate, detenzioni ingiuste e l'uso della tortura». Il documento è firmato dall'ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite, Sheba Crocker, e avverte che un'invasione russa dell' Ucraina creerebbe una «catastrofe dei diritti umani». Si parla anche dell'uso, da parte delle forze russe, di «misure letali per disperdere proteste pacifiche o per contrastare esercitazioni pacifiche di percepita resistenza da parte delle popolazioni civili».

 

 

 

L'arma termobarica segreta di Putin. Fonti militari ai media britannici: «Così inizierà il blitz contro l'Ucraina»

© RIPRODUZIONE RISERVATA