Suor Eligia trovata morta in stanza dalle consorelle: è rimasta schiacciata dall'armadio che le era caduto addosso

Suor Eligia trovata morta in stanza dalle consorelle: è rimasta schiacciata dall'armadio che le era caduto addosso
Suor Eligia trovata morta in stanza dalle consorelle: è rimasta schiacciata dall'armadio che le era caduto addosso
4 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Giugno 2022, 16:10 - Ultimo aggiornamento: 16:40

TREVISO - Travolta da un pesante armadio in legno nella sua stanza da letto: schiacciata tra quelle quattro ante massicce e una sedia, in una stretta che non le ha lasciato scampo. E non le ha dato nemmeno il tempo di gridare aiuto. È morta così suor Eligia, al secolo Giulietta Cambus, 87 anni, originaria della provincia di Cagliari e da qualche anno in servizio nella Villa Regina Mundi di Treviso. Si tratta di una comunità che accoglie e accompagna le ragazze madri con problemi di dipendenze. Un lavoro fatto nel silenzio, con discrezione, in punta di piedi. Sono una decina le giovani mamme attualmente ospitate. Ad accompagnarle, oltre agli operatori laici, c’erano quattro suore. Ora rimaste in tre.

IL DRAMMA La tragedia si è consumata mercoledì sera, nella sede di viale Brigata Treviso, nel quartiere di Santa Maria del Rovere. La chiamata al 118 è scattata poco dopo le 19. Quando le consorelle di suor Eligia, appartenenti alla congregazione delle “Pie Suore della Redenzione”, hanno fatto la terribile scoperta. La religiosa era in camera sua: il corpo esile incastrato tra il pesante armadio in legno e una seggiola. Non respirava più. Le altre suore hanno cercato di prestarle soccorso, mentre aspettavano l’arrivo dell’ambulanza. Pregavano e speravano: che non fosse troppo tardi, che i soccorritori - quegli angeli in camice - potessero salvare l’anziana consacrata. Invece non è stato così. Il personale sanitario è arrivato sul posto nel giro di pochi minuti. Ma non è bastato. Il medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso della malcapitata, a cui con tutta probabilità sono stati fatali i traumi causati dal peso che le è piombato addosso all’improvviso e che le avrebbe fatto sbattere la testa e il collo contro la sedia. Sul posto sono intervenuti anche gli agenti delle Volanti della questura di Treviso: i poliziotti hanno eseguito rilievi e accertamenti per fare chiarezza sulle circostanze del decesso. Fin da subito è stata esclusa l’ipotesi di un coinvolgimento di altri nel decesso della religiosa, vittima di un incidente domestico. A provocarne la morte è stata una tragica fatalità. Del fatto è stato comunque informato il magistrato di turno e ora si attende il nulla osta sulla salma della religiosa, portata così da poterne celebrare i funerali. Stando alle ricostruzioni della polizia, suor Eligia avrebbe aperto un’anta dell’armadio e proprio in quell’istante il piede del mobile avrebbe ceduto, facendolo crollare in avanti. L’anziana non se lo aspettava e non sarebbe riuscita a evitare l’impatto. Che le è stato fatale. Non vedendola scendere, le consorelle si sono preoccupate e sono corse a cercarla. Tutto immaginavano fuorché la drammatica scena che si sono trovate davanti quando hanno spalancato la porta della stanza.

TRISTEZZA E CORDOGLIO Adesso l’intera Villa Regina Mundi è sprofondata nel dolore per una perdita improvvisa, per di più in circostanze drammatiche. «Siamo molto tristi, rispettate il nostro dolore» - sono le poche parole che la madre superiora riesce a pronunciare sforzandosi di vincere quel nodo alla gola. A dipingere il ritratto di suor Eligia è invece don Davide Schiavon, direttore della Caritas trevigiana, che ha uno stretto legame con Villa Regina Mundi.

IL RITRATTO «Ha dedicato tutta la vita alla congregazione - la ricorda il sacerdote -. Era una persona sempre disponibile, discreta, generosa, semplice, dai modi molto affabili». Il messaggio evangelico lo metteva in pratica ogni giorno, prendendo per mano le ragazze madri che cercano di uscire dal tunnel di un passato difficile, segnato dalle dipendenze, per costruire un futuro luminoso per sé e per i propri figli. Una missione in cui suor Eligia credeva con tutta se stessa, improvvisamente interrotta da una tragica fatalità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA