Gli smartphone? Una droga. «Le notifiche
danno dipendenza come l'oppio»

Gli smartphone? Una droga.
«Le notifiche danno
dipendenza come l'oppio»
Ci permettono di rimanere sempre connessi e informati ma siamo sempre più incapaci di ignorare push, suonerie, vibrazioni che ci avvertono di nuove e-mail, messaggi e post sui social network. A evidenziare come l'abuso di smartphone sia simile all'abuso di sostanze stupefacenti, come gli oppiacei, è uno studio pubblicato su NeuroRegulation.

Il papà: 
«Lascia lo smartphone», la figlia 12enne tenta di tagliarsi i polsi

«La dipendenza dall'uso di smartphone inizia a formare connessioni neurologiche nel cervello in modo simile a quelle che si sviluppano in coloro acquisiscono una dipendenza da farmaci oppioidi per alleviare il dolore», spiega Erik Peper, professore di educazione alla salute presso l'Università di San Francisco e primo autore dello studio.

WhatsApp vietato ai minori di 16 anni? L'ipotesi da fine maggio

In un sondaggio condotto su 135 studenti ha scoperto che chi utilizzava continuamente i telefoni - ovvero sostituiva l'interazione faccia a faccia con una comunicazione in cui il linguaggio del corpo non può essere interpretato - aveva più elevati livelli di senso di isolamento, depressione e ansia. Quegli stessi studenti erano propensi, mentre studiavano e mangiavano, a guardare smartphone in una condizione di «semi-tasking», in cui si svolgono più compiti insieme ma si ottiene la metà del risultato che si otterrebbe focalizzandosi su uno alla volta.

Il motivo? I push ci fanno sentire obbligati a guardarli perché attivano gli stessi percorsi neuronali nel nostro cervello che una volta ci avvisavano di un pericolo imminente, come l'attacco di un predatore. «Ma ora - spiega Peper - siamo dirottati, dagli stessi meccanismi che una volta ci proteggevano, verso le informazioni più banali».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 17 Aprile 2018, 12:58 - Ultimo aggiornamento: 17-04-2018 15:35

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO