Oligarchi russi, le foto di mogli e figlie usate per risalire agli yacht da congelare: la vita da influencer dei super ricchi che si ritorce contro

Le parole dell'ex ufficiale della Cia: «Non capiscono le regole di sicurezza in vigore, o tutte le cose che le persone possono capire da una foto»

Mercoledì 30 Marzo 2022
Oligarchi russi, le foto di mogli e figlie usate per risalire agli yacht da congelare: la vita da influencer dei super ricchi che si ritorce contro

Le foto sugli yacht, nelle ville di lusso, nelle tenute in montagna o al mare. Tutto materiale utile per chi ha lavorato alle sanzioni contro gli oligarchi arrivate dopo l'inizio della guerra in Ucraina. Instagram si rivolta contro le influencer russe. La bella vita postata sui social, diventa materiale di ricerca per risalire ai proprietari. Decine di foto scattate da figlie e mogli dei magnati, hanno aiutato gli investigatori a scovare le super navi a cui mettere l'ancora o i mega immobili su cui piazzare i sigilli. 

 

«Con una foto si può scoprire di tutto»

L'esempio lampante è Polina Kovaleva, ufficialmente nullatenente, ma che sui social mostrava la vita da principessa che conduceva a Londra. La figliastra di Lavrov, nata da una relazione extraconiugale del ministro degli Esteri di Putin, denunciata su Instagram dallo staff di Navalny (l'oppositore politico di Putin), in pochi giorni è stata espulsa dalla Gran Bretagna e privata di tutte le sue proprietà. E proprio grazie a una sua foto scattata sullo yacht del papà, si è potuto risalire alla nave. Secondo il Financial Times , Kovaleva ha acquistato un appartamento da 4,4 milioni di sterline nell'elite quartiere londinese di Kensington nel 2016 quando era una studentessa di 21 anni alla Loughborough University nel Regno Unito.

Una lezione per la vita, anche se questo gli oligarchi lo sapevano già. L'anonimato per loro è una costante, così come per (quasi) tutti i super ricchi. A inchiodarli ci pensano mogli, figli o, in qualche caso, anche una escort, si legge su un articolo di "Vice". «Per essere un influencer, devi metterti in mostra», ha detto Alex Finley, un ex ufficiale della CIA che ora vive in Spagna e si impegna nel suo sforzo pubblico per rintracciare gli yacht degli oligarchi. «Sono sottoposti a una forte pressione sociale per mostrare la loro ricchezza. Non capiscono le regole di sicurezza in vigore, o tutte le cose che le persone possono capire da una foto», ha detto Finley. 

 

L'ex moglie di Sechin

Per sequestrare "Amore Vero", yacht da 120 milioni di dollari di proprietà di Igor Sechin, è stato sfruttato l'account Instagram della sua ex moglie. La nave di 281 piedi, che può ospitare 14 ospiti e 28 membri dell'equipaggio, è stata sequestrata da funzionari francesi all'inizio di questo mese. Un'indagine congiunta dell'Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP) e del quotidiano indipendente russo Novaya Gazeta (ora chiuso per le pressioni del Cremlino) ha pubblicato un rapporto che collega le foto di Instagram  pubblicate dall'affascinante seconda moglie di Sechin, Olga, alla rotta della nave attraverso il Mediterraneo. Sechin (e la sua compagnia Rosneft) non ha mai confermato di essere il proprietario dello yacht e ha denunciato Novaya Gazeta. 

 

La cacciatrice di sesso

Poi c'è stato il caso del miliardario, dello yacht e dell'autodefinita "cacciatrice di sesso". Un video investigativo prodotto da Navalny ha collegato il miliardario russo Oleg Deripaska a un viaggio in yacht nelle acque della Norvegia. Navalny ha utilizzato l'account Instagram NSFW di Anastasia Vashukevich come materia prima per un documentario su un presunto incontro marittimo segreto tra Deripaska e un alto funzionario del governo russo.

Vashukevich si è descritta come "l'amante" di Deripaska e il documentario fa ampio uso delle sue foto e video di Instagram per ritrarla mentre si unisce a Deripaska e a un vice primo ministro russo in una crociera di piacere nell'agosto 2016. Tutte le informazioni prodotte da Navalny sono state utilizzate dagli Stati Uniti per sanzionare Deripaska, nonostante lui abbia sempre negato. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 11:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA