Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Militare coinvolto in inchiesta blindati
in Afghanistan s'impicca in ufficio

Militare coinvolto in inchiesta blindati in Afghanistan s'impicca in ufficio
1 Minuto di Lettura
Giovedì 6 Aprile 2017, 17:35 - Ultimo aggiornamento: 18:09
BOLZANO - Un ufficiale di 50 anni è stato trovato stamani senza vita, a quanto si è appreso impiccato, in un ufficio del Comando Truppe alpine di Bolzano: l'ipotesi più accreditata è che l'uomo si sia suicidato. Nei confronti del militare, un colonnello, è stato di recente chiesto il rinvio a giudizio insieme ad altri cinque ufficiali per truffa militare aggravata in relazione al nolo di alcuni mezzi destinati al contingente italiano a Kabul la cui blindatura è risultata più leggera (e meno cara) di quella pattuita: circostanza che avrebbe anche potuto mettere a serio rischio, sostengono gli inquirenti, il personale cui erano destinati.

L'udienza preliminare è fissata per il 20 aprile. L'inchiesta, coordinata dal procuratore militare di Roma Marco De Paolis e dal sostituto Antonella Masala, prese le mosse dalla morte di un altro ufficiale, il capitano Marco Callegaro, 37 anni, originario della provincia di Rovigo ma residente a Bologna. Il corpo di Callegaro fu trovato nella notte tra il 24 e il 25 luglio 2010 nel suo ufficio all'aeroporto di Kabul. Il caso fu archiviato come suicidio. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA