Soffocata in casa, si impicca con un lenzuolo
in carcere il compagno killer: è in morte cerebrale

Soffocata in casa, si impicca
con un lenzuolo in carcere
il killer: è morte cerebrale
Soffocata in casa, si impicca
con un lenzuolo in carcere
il killer: è morte cerebrale
Si è suicidato in carcere Pietro Carlo Artisi, nella cella del carcere di San Vittore in cui era recluso da mercoledì: l'uomo era stato fermato per l'omicidio della sua compagna, la 53enne Roberta Priore, soffocata a morte e trovata senza vita nella sua casa di Milano. Pietro si è impiccato ieri sera, poco dopo le 21: mercoledì mattina aveva confessato il delitto della sua compagna.


 
 

Quando gli agenti della polizia penitenziaria lo hanno trovato, aveva un lenzuolo intorno al collo ed era ancora vivo: i poliziotti hanno chiamato il 118 e l'uomo è stato ricoverato all'ospedale San Carlo. La sua battaglia ha avuto termine questa mattina, quando è stato dichiarato in morte cerebrale. In precedenza l'uomo non aveva manifestato istinti suicidi. 
 
 

UNA SETTIMANA DOPO Il cadavere di Roberta era stato trovato martedì nella sua abitazione di Milano, in via Piranesi 19: Pietro Carlo aveva confessato l'omicidio la mattina seguente, dopo un lungo interrogatorio nella notte. L’uomo era stato bloccato sulle scale all’uscita del palazzo dai poliziotti, arrivati sul posto su richiesta della figlia di Roberta che non aveva sue notizie da due giorni. La donna alle spalle aveva una storia drammatica: 14 anni fa la seconda figlia Costanza morì a 4 anni dopo essere precipitata dal balcone.

LA CONFESSIONE L'uomo aveva confessato l'omicidio nella notte tra il 19 e il 20 marzo scorso raccontando agli investigatori della Squadra mobile e al pm di Milano Grazia Colacicco di avere ucciso la sua compagna Roberta al culmine dell'ennesima lite con quella donna che frequentava solo da circa 5 mesi. Nonostante il poco tempo trascorso assieme, la Polizia era già intervenuta due volte per litigi in casa. La notte dell'11 marzo scorso, ad esempio, un vicino aveva chiamato spaventato per le urla della donna, ma all'arrivo degli agenti erano apparsi entrambi calmi e la donna si era rifiutata di denunciare. Il 14 marzo, invece, era stato Artusi, disoccupato, a telefonare al 112 raccontando di uno scontro che lo aveva convinto a lasciare l'appartamento dove si era di recente trasferito.

"ERA SCONVOLTO" «Durante la deposizione era sconvolto, davvero molto provato - aveva spiegato il capo della Mobile milanese, Lorenzo Bucossi -. Ci ha detto che lunedì sera (il 18 marzo, ndr) sono andati a cena in un locale in zona Ortica, al tavolo avrebbero iniziato a litigare per motivi personali, sembra per una presunta gelosia nei confronti della Priore. La situazione è degenerata al punto che sono andati via ognuno per sé. Poco dopo sono rientrati in casa ed è ripresa la discussione. Artusi - aveva spiegato ancora Bucossi - dice che entrambi hanno assunto cocaina e che la donna lo ha aggredito lanciandogli oggetti. Ha ricostruito una scena scomposta in diversi momenti, a suo dire l'ha soffocata col cuscino per impedirle di urlare». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 25 Marzo 2019, 12:34 - Ultimo aggiornamento: 25-03-2019 15:02

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 di 0 commenti presenti