Infermiera in biancheria intima sotto la tuta trasparente antivirus: «Avevo caldo». Punita

Mercoledì 20 Maggio 2020 di Silvia Natella
Infermiera in reggiseno e mutandine sotto la tuta trasparente antivirus. «Avevo caldo». Punita

MOSCA - «Avevo caldo». Si è giustificata così una giovane infermiera che si è presentata nel reparto Covid in cui lavora in bikini. È successo all'ospedale di Tula, in Russia, a 193 km a sud di Mosca. La ventenne aveva la tuta protettiva, rigorosamente trasparente, e la mascherina, accessori indispensabili ai tempi del coronavirus. Il gesto è stato sanzionato, come racconta il Daily Mail. Stava lavorando nel reparto di malattie infettive, ma non ha resistito al caldo provocato dal contatto con il materiale della tuta. Per i degenti e i colleghi è stato impossibile non notarla.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, tornano a salire i nuovi positivi: sono 12 su più di mille tamponi analizzati/ I test effettuati in tutta Italia in tempo reale

Confini aperti. Ceriscioli ottiene il via libera e firma il provvedimento. Si può andare nelle province confinanti di Romagna, Abruzzo, Toscana, Lazio e Umbria

La direzione del nosocomio ha condannato il suo comportamento accusando la dipendente di «non conformità ai requisiti dell’abbigliamento medico».
La foto dell'infermiera in bikini è stata inviata alla redazione di newstula.ru e sta facendo il giro del mondo. La giovane si è scusata spiegando di non essersi accorta delle trasparenze. 
Nel frattempo, il Ministero della Salute ha riferito che l’infermiera è stata sottoposta a una sanzione disciplinare

Ultimo aggiornamento: 21 Maggio, 13:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA