Coronavirus a Mantova, focolai in macelli e salumifici: 68 positivi tra i dipendenti

Domenica 5 Luglio 2020
Coronavirus a Mantova, focolai in macelli e salumifici: 68 positivi tra i dipendenti
Focolai di Covid nel Mantovano. L'ultimo ha riguardato un salumificio di Viadana e così al momento sono cinque le attività produttive in cui si è sviluppato il contagio (considerando anche una nella vicina Dosolo), tra macelli e salumifici, che contano un totale di 68 dipendenti positivi.

LEGGI ANCHE: "Dita dei piedi da Covid": le lesioni che compaiono anche nei negativi a test e tamponi

L'ultima segnalazione dell'Ats Valpadana arriva dal salumificio Fratelli Montagnini di Viadana, dove ieri le squadre Usca (Unità speciali di continuità assistenziale) sono intervenute per sottoporre a tampone 26 dipendenti, dopo che uno di loro era stato ricoverato in ospedale con febbre alta. L'esito dello screening ha consentito di scoprire 5 positivi, tra cui 3 dipendenti di una cooperativa che lavorano nel salumificio.

LEGGI ANCHE: Vacanze a rischio. «Croazia nella lista gialla». La Slovenia valuta l'obbligo di quarantena per chi passa i confini

L'Ats ha predisposto ieri la chiusura del macello e oggi è attesa la sanificazione. Salgono a 68 i lavoratori (non tutti residenti nel Mantovano), perlopiù asintomatici o paucisintomatici, risultati contagiati nei 5 macelli tra Viadana e Dosolo, di cui due ricoverati in ospedale, in condizioni che non sarebbero gravi.
Ultimo aggiornamento: 16:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA