Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caterina, travolta e uccisa dal bus
turistico. «Forse due semafori verdi»

Caterina, travolta e uccisa dal bus turistico. «Forse c'erano due semafori verdi»
Caterina, travolta e uccisa dal bus turistico. «Forse c'erano due semafori verdi»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 27 Luglio 2018, 21:49 - Ultimo aggiornamento: 28 Luglio, 12:15
Caterina Pangrazi, l'universitaria di 22 anni travolta e uccisa da un pullman turistico su Corso Vittorio Emanuele, mentre attraversava sulle strisce, potrebbe essere vittima di un clamoroso guasto ai semafori: in quel momento infatti sarebbero scattati, contemporaneamente, due semafori verdi. Lo scrive Il Messaggero, secondo cui non solo la velocità inadeguata in pieno centro e la difficoltà di effettuare manovre di emergenza, ma anche una anomalia dell'impianto semaforico potrebbero aver provocato l'incidente che è costato la vita alla giovane studentessa.


Il pm Gennaro Varone, che ha indagato il 63enne Francesco P., conducente del bus, per omicidio stradale, ha dato incarico a un ingegnere di accertare le cause dell'incidente e verificare sia le condizioni del pullman sia le eventuali anomalie nella programmazione del semaforo. Dalle testimonianze di un pedone e di un motociclista è emerso infatti che entrambi avevano visto il semaforo verde nel momento in cui Caterina è stata investita: da qui il sospetto di una mancata sincronizzazione tra gli impianti. Se fosse confermata l'anomalia, Caterina avrebbe dunque attraversato correttamente col verde, e non col rosso come ipotizzato all'inizio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA