Castignano stritola la plastica, risorse ministeriali per realizzare un ecocompattatore

Castignano riciclerà la plastica
Castignano riciclerà la plastica
di Eduardo Parente
3 Minuti di Lettura
Martedì 1 Febbraio 2022, 06:35

CASTIGNANO - Con il decreto Mangiaplastica, molti Comuni d’Italia sono riusciti ad ottenere contributi preziosi dal Ministero della Transizione ecologica. L’obiettivo, manco a dirlo, è quello di ridurre i rifiuti in plastica, attraverso l’acquisto di compattatori, grazie al riconoscimento di uno specifico contributo.

Tra i Comuni del Piceno che hanno partecipato (e vinto) al bando in questione, spicca quello di Castignano. «Riguardo al riciclo dei rifiuti - spiega soddisfatto il sindaco di Castignano, Fabio Polini - come Comune, abbiamo partecipato a questo bando sperimentale, per la realizzazione di un ecocompattatore per la riduzione dei rifiuti (bottiglie di plastica, ndr). Siamo arrivati 359° in Italia, con un importo finanziabile di 20.456 euro. Sono piccole soddisfazioni, per chi come noi crede nel riciclo e non nelle mega discariche, e partecipa a tutti i bandi per ridurre i rifiuti. Noi, da sempre, crediamo nella raccolta differenziata rispetto a chi ama e brama le grandi discariche. Ecco, noi, invece, puntiamo tutte le nostre energie sul riciclo e, di conseguenza, preferiamo andare in una direzione diametralmente opposta».

Per il primo cittadino di Castignano, dunque «questo bando ha rappresentato una vera e propria sfida: si trattava di un bando a valenza nazionale e non pensavamo di essere finanziati su ben otto mila Comuni. Invece, a graduatoria uscita, abbiamo provato grande soddisfazione per il risultato raggiunto. Un obiettivo centrato in pieno, quindi, che ci permetterà di lavorare bene sul fronte della riduzione della plastica e di ricompattare le bottiglie, il cui materiale ha anche un certo valore. È un servizio aggiuntivo che daremo ai nostri cittadini e vedremo, in tempi brevi, come svilupparlo. Ventimila euro possono sembrare pochi, ma è un grande obiettivo se si pensa al beneficio che si ottiene in termini aziendali. È certamente un progetto sperimentale, ma che produrrà un grande risultato in termini ambientali: tema sempre molto sentito dalla nostra amministrazione. Un grazie di cuore ai dipendenti comunali che si sono impegnati a presentare il progetto, con l’aiuto di Picenambiente, perché era uno studio complicato. Pensavamo che avremmo avuto poche chance di riuscita - conclude il sindaco Polini - invece, oggi, abbiamo avuto la piccola soddisfazione di vedere riconosciuto l’impegno degli uffici. È un progetto che ci differenzia». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA