La Quintana si avvicina, ma il Green pass stravolge la sfilata del corteo storico

Martedì 29 Giugno 2021 di Cristiano Pietropaolo
Ascoli, la Quintana si avvicina, ma il Green pass stravolge la sfilata del corteo storico

ASCOLI - Si avvicina sempre più il ritorno della Quintana, in programma sabato 10 luglio. Considerata la “Giostra della rinascita” dopo lo stop forzato a causa della pandemia che ancora non vuole mollare la presa (anche se le cose stanno migliorando), i sestieri si stanno preparando sotto moltissimi punti di vista, sopratutto quello organizzativo e nella scelta dei figuranti che potranno partecipare al corteo che sarà svolto in forma ridotta.

Quintana: Porta Romana ha scelto, sarà la farmacista Luigina la sua Dama


 

C’è, però, un aspetto da chiarire e definire: è quello relativo al nuovo Green pass, la certificazione verde Covid che si ottiene dopo l’avvenuta vaccinazione contro il virus, la guarigione dall’infezione o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido eseguito nelle 48 ore precedenti all’evento al quale si partecipa. 

Il green pass

Il green pass si ottiene 14 giorni dopo la prima dose (nel caso di vaccino Pfizer, Moderna o AstraZeneca). Tutti coloro, soprattutto i giovani, che si stanno vaccinando in questi giorni, dunque, non potranno partecipare alla Quintana perché non ancora in possesso della certificazione verde visto che non sono passati i fatidici 14 giorni. C’è di più: con la variante Delta che preoccupa non poco il Governo potrebbe anche pensare di “rimodulare il Green pass dopo la prima dose di vaccino, scegliendo di far concedere il pass dopo le due dosi, come richiesto attualmente dai paesi europei per l’accesso nei loro confini. «Non siamo entrati nel particolare. Non abbiamo dato determinate disposizioni. Chi partecipa deve avere il green pass sicuramente. È chiaro che chi ha fatto la prima dose ed è in attesa di fare la seconda, dal 14 giorno dopo la prima fino a quando verrà fatta la seconda, il pass è valido» sottolinea il direttore del Dipartimento di Prevenzione diArea Vasta 5 Claudio Angelini.
L’indicazione
«Questa è un’indicazione chiara, bisogna essere vaccinati. Non è obbligatorio aver fatto due dosi ma è necessario avere il green pass parziale. La dimostrazione di aver fatto la vaccinazione deve comunque esserci» prosegue Angelini. « Nel frattempo la vaccinazione sta procedendo in maniera regolare. Si prevede una riduzione delle consegne ma, visto che le richieste stanno diminuendo, le dosi dovrebbero essere sufficienti per procedere con la campagna. Per ora la situazione epidemiologica è sotto controllo. Penso che ad ottobre la nuova variante Delta sarà predominante anche nel nostro territorio» conclude il direttore del Sisp. Intanto ci sono anche altri aspetti da chiarire: a chi bisognerà presentare il green pass per poter partecipare alla Giostra? All’Area Vasta 5, la Questura o all’Ente che organizza l’iniziativa, ovvero il Comune? Sarà importante sapere come muoversi anche in questo campo. Un’altra tematica da risolvere a breve riguarda la sfilata. Quando si deciderà chi dovrà sfilare, visto che a due settimane ancora non c’è un elenco certo di tutti i figuranti che sfileranno sabato 10 luglio? Ricordiamo che, in totale, ci saranno circa 400 figuranti in totale.Un tempo i nominativi erano certi già diversi mesi prima ma adesso, con la questione del green pass, si dovrà fare una scrematura dolorosa ma obbligatoria, ma il tempo stringe. I Capisestiere hanno recentemente dichiarato che si riuniranno con i comitati di sestiere per sciogliere questi dubbi. Inevitabilmente ci saranno defezioni sicuramente dolorose, ma la prudenza è ancora necessaria. E purtroppo la situazione è in continua evoluzione.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA