Non c'è pace a Monte Piselli: incombe il ricorso al Tar per la gestione degli impianti sciistici

Sabato 16 Novembre 2019
Ascoli, non c'è pace a Monte Piselli: incombe il ricorso al Tar per la gestione degli impianti sciistici

ASCOLI - «Lunedì chiederemo gli accessi agli atti e poi decideremo i passi da fare». Annuncia battaglia l’avvocato Francesco Ciabattoni che cura gli interessi della Remigio Group e che non esclude la possibilità di presentare un ricorso al Tar per impugnare l’affidamento della gestione della stazione sciistica di Monte Piselli alla Finori Srl da parte del Cotuge. 

LEGGI ANCHE:
La proprietaria scopre il furto con spaccata nel suo bar mentre aspetta l'aereo per le Maldive

L'artigiano pusher sorpreso con la cocaina e il bilancino: arrestato un 50enne

«Quando avremo a disposizione tutta la documentazione relativa alla gara - ha spiegato il penalista ascolano - coinvolgerò anche il mio collega anconetano Andrea Galvani, che è un esperto amministrativista a cui sottoporrò tutta la vicenda, e poi in accordo con la Remigio Group valuteremo se presentare il ricorso. Quello che ci preme più di ogni cosa è la tutela del pubblico interesse nella gestione di Monte Piselli». L’esperto penalista ascolano, per il momento, ha avuto modo di leggere solo il verbale di aggiudicazione nel quale vengono riportati tutti i passi compiuti dalla commissione di gara per arrivare a stilare la graduatoria che ha visto la Finori precedere solo di qualche decimale la Remigio Group. Ma da questo, Ciabattoni ha espresso alcuni dubbi. 
«Leggendo il verbale si evince che è c’è stato un soccorso istruttorio - spiega l’avvocato della Remigio Group - dal momento che è stata data la possibilità al concorrente di produrre in un secondo momento il piano economico finanziario che non era contenuto nella busta»

© RIPRODUZIONE RISERVATA