Senigallia all'attacco: «Ancona vuole scipparci Pane Nostrum»

«Ancona vuole scipparci Pane Nostrum»
«Ancona vuole scipparci Pane Nostrum»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 25 Gennaio 2023, 03:05

SENIGALLIA Dopo il CaterRaduno “scippato” da Pesaro, Pane Nostrum se lo vuole prendere Ancona. E’ quanto emerso ieri in commissione bilancio dove i consiglieri si aspettavano qualcosa in più sul turismo oltre al Summer Jamboree. «Ancona sta cercando di prendersi Pane Nostrum – ha detto Gennaro Campanile, Amo Senigallia - invece deve essere rilanciato, così come la Campionaria che, la scorsa estate, è stata impresentabile».

Ha chiesto conto di quanti soldi ci siano a bilancio per gli eventi ma al momento sono noti solo i 400mila per il Summer Jamboree e 300mila per il resto. La Regione ancora non ha fatto sapere se confermerà i 150mila euro per il Summer Jamboree. Gli organizzatori hanno chiesto 915mila euro. «900mila euro, a mio parere personale, sono uno sproposito per un’iniziativa – il commento di Ilaria Bizzarri, assessore al Bilancio - va trovato un punto di incontro a livello sovracomunale». Contestata sempre da Campanile anche la scelta, poco green, di togliere l’esenzione ai veicoli ibridi che dal 2012 parcheggiavano gratis. Adesso solo le auto elettriche potranno farlo. Scelta che in parte ha contribuito all’aumento nelle previsioni di entrata dei parcheggi, passati da 1 milione a 1,5 milioni di euro. Confermato 1,9 milione di euro di entrate dalle multe.

Due novità

Due grandi novità sono state annunciate durante la maratona consiliare sul bilancio, iniziata ieri pomeriggio. Il Comune ha deciso di accendere un mutuo da 3 milioni di euro per sistemare il secondo plesso della primaria Puccini. La nota negativa invece sta bel pensionamento annunciato dal dirigente Maurizio Mandolini che, per oltre vent’anni, ha diretto molto bene, è parere bipartisan, i servizi sociali. Nessun aumento di imposte ma il capogruppo del Pd Dario Romano ha fatto presente che in campagna elettorale era stata promessa una riduzione che, in due anni e mezzo, non c’è stata. Confermata, invece, l’esenzione annuale per il suolo pubblico alle attività e anche ai privati che sono stati alluvionati, come già era stato annunciato nei giorni scorsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA