Montemarciano, rom cerca di rubare in casa con la scusa dell’auto in panne: «Posso mettere la spesa in frigo?»

La donna è stata allontanata da una donna

Montemarciano, rom cerca di rubare in casa con la scusa dell auto in panne: «Posso mettere la spesa in frigo?»
Montemarciano, rom cerca di rubare in casa con la scusa dell’auto in panne: «Posso mettere la spesa in frigo?»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Novembre 2023, 03:40 - Ultimo aggiornamento: 14 Novembre, 08:52
MONTEMARCIANO - Una rom ha cercato di introdursi sabato in una casa alla Gabella, chiedendo di poter mettere la spesa in frigorifero perché aveva la macchina in panne. Una scusa che in altre città è costata cara a chi, impietosito dal disagio, ha fatto entrare quella che sembrava una sventurata ma di fatto era un’estranea, che ne ha approfittato per accedere all’abitazione e rubare qualcosa.  

Sabato è accaduto alla Gabella di Montemarciano. Non c’erano macchine in panne nei paraggi, come aveva riferito la donna, e qualcuno ha invece notato un vecchio furgone, con i finestrini coperti da buste dove si intravedeva una persona con il cappuccio. Nel dubbio non è stata fatta entrare e una delle persone a cui ha citofonato ha pubblicato un post sui social per mettere in guardia altri cittadini.

«Attenzione: proprio ora, in zona Gabella, una signora di mezza età con due borse della spesa, rom, ha suonato il campanello riferendo di avere la macchina in panne e di dover conservare all’interno del mio frigorifero i suoi acquisti.

State in campana». Non è proprio la prima cosa che viene in mente a chi rimane bloccato con l’auto, quella di suonare a casa della gente per conservare la spesa. La scusa di poter entrare in casa per un guasto al motore è stata utilizzata in altre città, per poter accedere alle case e rubare, magari lasciando la porta socchiusa per far entrare un complice. In altri episodi, però, era stato chiesto il telefono per chiamare i soccorsi, oppure un bicchier d’acqua o la possibilità di utilizzare il bagno.

Persona con felpa e cappuccio

«C’era anche un camioncino vecchietto con i finestrini coperti con buste di carta – spiega un’altra residente – ma all’interno si intravedeva una persona con felpa e cappuccio. Era parcheggiato in zona piazzetta». L’autrice del post ha assicurato di aver avvisato prima chi di competenza, per poi scrivere un appello per mettere in guardia altre persone. La signora con la spesa se n’è poi andata. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA