Vietato sparare al suv dei ladri in fuga
«Ma adesso chi difenderà i cittadini?»

Vietato sparare al suv dei ladri in fuga «Ma adesso chi difenderà i cittadini?»
3 Minuti di Lettura
Sabato 24 Marzo 2018, 05:55

OSTRA VETERE - Si vedrà in Cassazione se davvero un tutore dell’ordine, quando spara alle ruote di un’auto in fuga, rischia una condanna per omicidio colposo per un uso imprudente dell’arma, se per disgrazia - com’è avvenuto a Ostra Vetere tre anni fa - un proiettile di rimbalzo colpisce un ladro e lo uccide. Ma intanto la sentenza d’appello che ha giudicato colpevole l’appuntato Mirco Basconi, com’era accaduto già nel febbraio 2016 dopo il verdetto di primo grado, suscita un’ondata di solidarietà per il militare finito sotto processo e anche reazioni di pancia contro chi l’ha giudicato meritevole di una sanzione penale. Non basta lo sconto di pena (da un anno a sette mesi e dieci giorni) a placare le reazioni indignate di molti che, soprattutto sul web, non aspettano di leggere le motivazioni della sentenza (attese entro 60 giorni) e gridano all’ingiustizia.

Reazioni che stridono con la serenità con cui, per tutte le udienze, l’appuntato Basconi - ora in servizio alla centrale operativa della Compagnia di carabinieri di Senigallia - è stato presente in aula durante i due gradi di giudizio, accettando serenamente i verdetti, senza un minimo moto d’insofferenza, sempre fiducioso che prima o poi ci sarà un giudice a decretare la sua innocenza e sancire che la sera del primo febbraio 2015 fece solo il suo dovere, cercando di fermare a Ostra Vetere un suv di una banda di ladri in fuga, tirando agli pneumatici. Anche l’altro ieri, chi era in corte d’appello durante il processo a porte chiuse ha sentito Basconi rasserenare i suoi avvocati, Mario e Alessandro Scaloni, che s’erano spesi fino in fondo per ribaltare il verdetto di primo grado, e tutti coloro, tra cui anche molti colleghi e ufficiali dell’Arma, che erano lì per testimoniargli solidarietà. «Non preoccupatevi, vinceremo in Cassazione», ha detto. Prende le difese dell’appuntato anche il sindaco di Ostra Vetere Luca Memè: «Basconi è una bravissima persona e siamo amareggiati, anche se la sentenza è un po’ migliorata, Sappiamo tutti dov’era il torto e dove la ragione».

Al di là delle sorti giudiziarie dell’appuntato Basconi, c’è il rischio - come segnalato anche dalla difesa nei motivi d’appello - che i tutori dell’ordine escano indeboliti da sentenze come questa. «Adesso c’è il rischio - aveva fatto notare già dopo il primo grado dall’avvocato Mario Scaloni - che un carabiniere o un poliziotto ci pensi dieci volte prima di sparare alle gomme di un’auto con una banda di ladri o rapinatori in fuga. E che ladri e rapinatori divengano sempre più spregiudicati».

Un tema sul quale riflette, all’indomani della sentenza d’appello, anche l’avvocato Italo D’Angelo, ex questore di Pesaro con una lunga carriera da dirigente della Polizia di Stato che l’ha visto in prima linea nell’antiterrorismo, nell’anticrimine e nella Squadra Mobile di Ancona. «Una volta il Poliziotto urlava al ladro in fuga “fermo o sparo!”, ma oggi quale avvertimento daranno le forze dell’Ordine? “Fermo , che potrei sparare ?”», cerca di sdrammatizzare il dottor D’Angelo, ricordando che prima di prestare servizio per 32 anni nella polizia aveva indossato per un anno gli alamari da carabiniere. «La verità è che le forze dell’ordine sono sempre più sole e la criminalità sempre più agguerrita. Ma non bisogna fare confusione - ammonisce D’Angelo -: non sono i giudici a sbagliare nell’emettere queste sentenze, è la politica che non è in grado di varare leggi per la difesa dei cittadini e per assurdo per la difesa di chi è chiamato a difenderli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA