Il Covid entra anche all'ospedale di Loreto: sono 3 i contagiati. Continuano a salire i casi in città

Venerdì 12 Febbraio 2021 di Arianna Carini
Continuano i tamponi di studenti e insegnanti

LORETO - Nuovi casi di Covid in ambito sanitario accendono l’allarme nella città mariana dove salgono a 150 i positivi e a 283 i residenti in quarantena. Dopo il focolaio che ha portato alla temporanea chiusura dell’hospice, il virus ha fatto il suo ingresso all’interno del Santa Casa. Malgrado le scrupolose misure adottate dal personale ospedaliero, anche il nosocomio loretano è stato travolto dalla seconda ondata della pandemia, come avvenuto in tanti altri ospedali e residenze protette della regione. 

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, sette morti in un giorno nelle Marche, il più giovane aveva 65 anni. Ricoveri in calo/ Il contagio nelle regioni

 


Sarebbero almeno tre i pazienti affetti dal Sars Cov2 per i quali è scattato il trasferimento immediato in altra struttura, mentre nel reparto di cure intermedie dove erano ricoverati sono state attivate tutte le procedure di sanificazione necessarie a ripristinarne la funzionalità ed operatività in totale sicurezza. L’annessa struttura residenziale per le cure palliative, evacuata nei giorni scorsi dopo la scoperta di un paziente risultato positivo soltanto successivamente al suo ricovero, riaprirà invece il 16 febbraio riaccogliendo i malati nel frattempo dislocati nell’hospice di Chiaravalle. 


Riprendono oggi le lezioni nella scuola primaria Sant’Anna e materna Regina Margherita, dal 1850 l’istituto paritario gestito dalle suore in via Garibaldi, nel centro storico di Castelfidardo. Gli esiti dell’indagine del laboratorio di virologia dell’Asur hanno escluso l’ipotesi di casi positivi collegati alla variante inglese e di conseguenza il sindaco Roberto Ascani ha firmato ieri l’ordinanza per consentire la ripresa delle lezioni in presenza.

Una notizia che rasserena non solo gli animi dei genitori ma di tutto l’ambiente scolastico, anche perché non sono emersi altri casi nelle scuole rimaste aperte in questi giorni. «In linea generale ad oggi c’è stato un leggero aumento dei positivi (258 e 731 in quarantena, secondo i dati pubblicati dalla Regione, ndr) a cui fortunatamente fa riscontro un calo fra gli under 14. Siamo in attesa dei risultati dello screening in corso su docenti e studenti della primaria Cialdini in modo che il quadro sia ancora più chiaro e soprattutto venga confinato alle sole strutture già colpite dalla variante inglese» ha chiarito Ascani. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA