Anche striscioni sui palazzi contro lo spostamento della fontana dei leoni

Domenica 28 Marzo 2021 di Fabrizio Romagnoli
Anche striscioni sui palazzi contro lo spostamento della fontana dei leoni

JESI  - Striscioni di protesta sui palazzi contro lo spostamento da piazza Federico II a piazza della Repubblica della fontana dei leoni: sono cominciati ad apparire dal pomeriggio di ieri, sollecitati dal comitato Piazzalibera che si batte contro l’operazione voluta e finanziata col suo lascito testamentario dal vignettista Cassio Morosetti scomparso un anno fa a Milano.

LEGGI ANCHE;

Fontana dei leoni in piazza della Repubblica, il figlio di Morosetti: «Nessun ricatto, papà voleva fare un regalo a Jesi​»

 

«Diciamo no- scrive Piazzalibera – ad attribuire un prezzo a monumenti e storia di Jesi, a decisioni tese a restaurare una Jesi del passato di cui non si sente l’esigenza e prese assecondando la volontà di un privato in contrasto con l’opinione della maggioranza dei cittadini. E che impediscono la piena fruibilità di Piazza della Repubblica per manifestazioni e eventi, relegando Piazza Federico II a luogo marginale».

Fra i messaggi ai balconi “Non siamo pochi”, “Disobbediamo al re”, “La nostra opinione ha un valore” e immagini di piazza della Repubblica con vista senza impedimenti della facciata del Teatro Pergolesi. «Sì- spiega Piazzalibera- a decisioni che valorizzano il Teatro Pergolesi, le piazze, i monumenti e la storia di Jesi e a consentire al Comune (con riferimento al vincolo “per sempre” inserito da Morosetti nel suo testamento, nda) di mantenere oggi e in futuro la piena disponibilità dei propri beni e piazze, che rappresentano patrimoni della cittadinanza. Sì alla destinazione in beneficenza delle risorse del lascito ai tre enti indicati in alternativa dal lascito». Ovvero Lega del Filo d’oro, Opera San Francesco per i poveri e Pane quotidiano di Milano.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA