Falconara è in lacrime per Ripesi, l’imprenditore che aiutava i poveri

Thursday 7 May 2020 di Stefano Rispoli
Falconara è in lacrime per Ripesi, l’imprenditore che aiutava i poveri

FALCONARA - Diceva sempre: «Non importa volare alto, ma volare: insieme si può. Meditiamo e godiamoci una mela al giorno». Era il suo mantra, quello che gli ha permesso di arrivare a ottant’anni senza mai perdere il sorriso, neanche nella malattia. La vita l’ha assaporata fino in fondo, sapendo coltivare i valori più profondi: l’amore per la famiglia, la passione per il lavoro, l’onestà, la generosità. 

Per questo mancherà ancora di più Giancarlo Ripesi, storico fondatore della Errebi Grafiche Ripesi, uomo buono, padre affettuoso e imprenditore di successo, morto martedì dopo aver lottato contro un male. Lascia la moglie Caterina, 10 nipoti e 5 figli, Fabrizio, Sara, Silvia, Serena e Simona, che hanno affidato il loro dolore alla pagina Facebook dell’azienda: «A te, caro papà: vogliamo ricordarti per l’uomo forte, entusiasta della vita, umile e attento ai bisogni dei più deboli. La tua onestà e il tuo sorriso sono doni indelebili nei cuori di tutte le persone che hanno avuto l’onore di condividere un pezzo di strada con te. La consolazione è che sei salito al cielo libero dalle sofferenze terrene che ai nostri occhi ti hanno reso il nostro eroe, fino alla fine. La tua mano forte ci rende sicuri nel proseguire i nostri percorsi di vita, sorretti dai tuoi insegnamenti di amore, giustizia e sopratutto il senso forte del valore della famiglia. La tua operosità e il suo senso del dovere siano di esempio a tutti noi».

LEGGI ANCHE:

La messa per la festa della patrona venerdì sarà tramessa in diretta streaming

 
Da oltre mezzo secolo il marchio della Errebi Grafiche compare su libri, manuali, pubblicazioni. Dopo aver perso da giovane il padre, nel 1962 decise di dar vita insieme al fratello Giacomo a una tipografia artigianale che, da piccola azienda, si è trasformata in una realtà affermata, al punto da dover trasferire il laboratorio di Palombina, nel 1973, nella nuova sede di via del Lavoro. La capacità di evolversi e stare al passo coi tempi nell’era della digitalizzazione è stata l’arma vincente della Errebi Grafiche che non ha mai perso la sua anima artigianale, soprattutto nel rapporto con i clienti. Un vanto per un uomo che ha sempre lavorato con e per la famiglia.

Nel 1999 Ripesi fu insignito della civica benemerenza dorica per il suo impegno sociale: attivo donatore di sangue, componente del gruppo falconarese Masci e volontario della Tenda d’Abramo, offriva aiuto ai poveri nella stazione di Falconara e faceva della solidarietà il principio ispiratore della sua vita. Nel 2015 fu premiato anche dal Rotary Club Falconara e Ancona-Conero con il riconoscimento per l’azione professionale. Il lutto ha colpito profondamente i falconaresi. Il sindaco Stefania Signorini ricorda Giancarlo come «un grande imprenditore, non solo per il successo della sua attività, ma anche perché nel lavoro ha saputo trasmettere i suoi valori. Ho sempre considerato Giancarlo una persona accogliente, caratteristica che lo ha contraddistinto in tutto ciò che ha fatto: ha accolto gli studenti nel progetto di alternanza scuola-lavoro, sapeva accogliere i clienti che si rivolgevano a lui per progetti grafici ed editoriali, accoglieva il prossimo attraverso il volontariato. Falconara perde una persona di grande umanità e capacità, ma il suo esempio continuerà a vivere attraverso tutti coloro che lo hanno conosciuto e la sua famiglia». 

Antonio Mastrovincenzo, presidente del consiglio regionale, rivolge «un pensiero per una bella persona, un amico che ci ha lasciati, un imprenditore illuminato, sempre attento ai suoi collaboratori, un uomo dal grande cuore, impegnato al servizio delle persone più fragili». La camera ardente verrà allestita oggi alle 14 nella casa funeraria Pieroni di via Marconi, i funerali si svolgeranno domani in forma privata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA