Con soli duemila euro banconote per 35mila: oscurati i canali Telegram che vendono soldi falsi. Oltre 400mila gli iscritti

Lunedì 7 Marzo 2022
Con soli duemila euro banconote per 35mila: oscurati i canali Telegram che vendono soldi falsi. Oltre 400mila gli iscritti

FALCONARA - Banconote, fasulle, per 1.000 euro al prezzo di 100 euro veri, ma anche anche pacchetti da 35mila al prezzo di soli 2mila. Erano le "offerte" di alcuni canali Telegram, con oltre 430mila iscritti, specializzati nella vendita di banconote contraffatte.

Video

I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Falconara Marittima, nelle scorse settimane hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Ancona, con il quale è stato disposto l’oscuramento di 17 canali presenti sull’applicazione di messaggistica istantanea “Telegram”, ove venivano poste in vendita ingenti quantità di banconote contraffatte.

Gioca alle slot con il Green pass di un amico, game over per un 18enne: cellulare sequestrato e denuncia

 

Il provvedimento è stato adottato all’esito di una complessa indagine condotta dalle Fiamme Gialle falconaresi e coordinata dalla Procura della Repubblica di Ancona, a seguito di un monitoraggio dei canali presenti sulla predetta applicazione di messaggistica, che ha permesso di individuare diciassette diversi canali con oltre 430.000 iscritti complessivi, nei quali venivano pubblicati numerosi annunci di vendita di banconote false in euro, sterline e dollari americani, corredati da relative foto di dettaglio.

Nelle varie inserzioni individuate, veniva garantita la qualità delle banconote proposte che, come pubblicizzato, erano prodotte in carta di puro cotone, con filigrana, ologrammi metallici e striscia di sicurezza, così da aggirare potenzialmente i vari test rilevatori di banconote false, come quelli a luce ultravioletta (UV) o le apposite penne anticontraffazione. I prezzi di vendita erano commisurati all’ammontare complessivo di banconote ordinate, con un listino che partiva da un pacchetto di 1.000 euro di banconote contraffatte al costo di 100, fino ad arrivare a lotti di 35.000 euro al prezzo di 2.000. Al fine di garantire l’anonimato sia del venditore che dell’acquirente, le banconote erano acquistabili esclusivamente con pagamenti in criptovalute, e nelle stesse inserzioni, per agevolare eventuali utenti meno esperti, venivano fornite anche dettagliate informazioni circa le modalità di acquisizione di quest’ultime.

 

Ultimo aggiornamento: 09:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA