Fabriano, dispetti tra vicini: la polizia ritira sei fucili da caccia per cautela. Ecco cosa succede

Fabriano, dispetti tra vicini: la polizia ritira sei fucili da caccia per cautela. Ecco cosa succede
Fabriano, dispetti tra vicini: la polizia ritira sei fucili da caccia per cautela. Ecco cosa succede
2 Minuti di Lettura
Sabato 3 Dicembre 2022, 18:19 - Ultimo aggiornamento: 19:31

FABRIANO -  Tra i vicini non corre buon sangue, ma in compenso i condomini ce ne hanno messa di fantasia per mettere in atto reciproci atti di provocazione e ripicca: dalle briciole di pane lasciate cadere sulla proprietà del vicino, alla disattivazione del contatore dell'energia elettrica, fino alla sosta selvaggia per rendere disagevole il parcheggio nelle rispettive aree padronali.

Escalation di dispetti tra vicini, la polizia ritira 6 fucili da caccia in via cautelativa

Un escalation di gesti che ha portato la polizia di Fabriano a intervenire e disporre il ritiro cautelativo di sei fucili da caccia e delle munizioni regolarmente detenute da un 54enne del posto che è stato denunciato dai vicini: l'uomo inoltre è finito nei guai per possesso di alcune munizioni, «a palla», non regolarmente denunciate. L'episodio da cui è scaturita l'adozione del provvedimento cautelare, si inserisce nell'ambito di una lunga controversia tra i condomini di una palazzina bifamiliare che, nel corso del tempo, si sono scambiati «atti di provocazione e ripicca».

Serie di ripicche nella villetta bifamiliare

Dalle briciole di pane lasciate cadere sulla proprietà del vicino, al danneggiamento di alberi da frutta e dei rumori, anche in tarda ora e di notte, passando per la disattivazione del contatore della corrente elettrica e la «sosta selvaggia» delle rispettive autovetture per ostacolare o rendere particolarmente difficoltoso il parcheggio nelle rispettive proprietà: tutto ciò è sfociato in una denuncia nei confronti del 54enne. Da qui, la decisione degli agenti di polizia di Fabriano di procedere, in via cautelativa, al ritiro cautelare di tutte le armi e munizioni anche a salvaguardia della pubblica sicurezza e tranquillità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA