Maxi sequestro e chiusura per un'attività che vendeva argenteria in zona Piano

Maxi sequestro e chiusura per un'attività che vendeva argento
Maxi sequestro e chiusura per un'attività che vendeva argento
3 Minuti di Lettura
Sabato 20 Agosto 2022, 15:24

ANCONA -  Nell'ambito dei controlli interforze nel quartiere del Piano di Ancona, sono stati sequestrati ben 103 prodotti, comminate sanzioni per oltre 2.000 euro e disposta la chiusura dell'attività per vendita di oggetti in argento senza licenza. I servizi, coordinati dalla Questura di Ancona su indicazione del Prefetto in sede di Comitato per
l'ordine e la sicurezza pubblica, hanno coinvolto ieri pomeriggio la Divisione Polizia Amministrativa della Questura, in stretta collaborazione con la Polizia Locale e la Guardia di Finanza.

Tra le diverse attività commerciali verificate e risultate in regola, è stata trovata in zona Piano un'attività di vendita di prodotti etnici che presentava diverse criticità come la mancata esposizione dei prezzi sulla merce in vendita; la mancanza della licenza per la vendita di preziosi (art.127 Testo unico Leggi Pubblica Sicurezza); la mancanza della

traduzione in lingua italiana sui giocattoli e apparecchi elettronici di importazione. Insieme alla pattuglia della Guardia di Finanza intervenuta perché strettamente competente in materia, la Polizia Locale ha disposto il sequestro amministrativo di 103 prodotti di importazione privi di traduzione in lingua italiana (come previsto dal decreto legislativo del 296/2005 codice del consumo) con relativa sanzione amministrativa di 1.032 a cui se ne sono aggiunti altri 1.000 per la mancata esposizione dei prezzi. La vicenda è stata segnalata alla Camera di Commercio di Ancona.

La Guardia di Finanza, parallelamente, ha proceduto al sequestro penale dei preziosi venduti senza autorizzazione,  oltre 7 mila pezzi in argento posti in vendita senza aver mai conseguito la licenza per preziosi prevista dalla vigente normativa. Il proprietario è stato denunciato e gli agenti hanno anche disposto la chiusura fino alla regolarizzazione delle attività esercitate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA