Sputi ai poliziotti e calci alla Volante in piazza del Papa, 23enne punito due volte: dopo la denuncia arriva anche il Daspo

La polizia in piazza del Papa
La polizia in piazza del Papa
di Federica Serfilippi
3 Minuti di Lettura
Sabato 14 Maggio 2022, 03:55 - Ultimo aggiornamento: 07:40

ANCONA - Prima la denuncia dopo la notte balorda in piazza del Papa, poi il Daspo urbano. Continua il pugno duro del questore Cesare Capocasa contro chi si diverte illecitamente, oltrepassando le regole e minando le basi della percezione di sicurezza tra i cittadini. Questa volta, è toccato a un 23enne anconetano subire il Daspo urbano: per un anno non potrà più avvicinarsi ai locali pubblici di piazza del Papa e a quelli limitrofi al teatro della movida cittadina.

Non potrà neanche stazionare in prossimità di tali attività. Il provvedimento, emesso dal questore su istruttoria della Divisione Anticrimine, arriva dopo la denuncia rimediata dal ragazzo per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, nonché dopo la multa elevata per ubriachezza molesta.

Il 23enne, già conosciuto dalle forze dell’ordine per una rissa in discoteca per la quale aveva rimediato un avviso orale, ha dato da fare agli agenti delle Volanti nella notte tra mercoledì e giovedì. Erano da poco passate le 2 quando i poliziotti sono arrivati in piazza allertati da una chiamata al 112 fatta per segnalare una zuffa tra giovani che avrebbe compreso anche una coppia di fidanzati. Quando sono giunti nei pressi della statua di Papa Clemente XII, il gruppetto di contendenti si era già dileguato, allontanandosi dalla piazza. Pronto ad affrontare le divise, stando a quanto emerso, c’era però il 23enne. 

Quando i poliziotti hanno chiesto i documenti alla sua fidanzata, lui ha perso la ragione: ha insultato, minacciato e sputato addosso ai poliziotti, prendendo a calci la loro auto. Urlando e sbraitando, ha anche lanciato la carta di identità contro gli agenti. Alla fine, questi ultimi sono riusciti a calmarlo e a portarlo in questura per gli accertamenti di rito. Dagli uffici di via Gervasoni è uscito con una doppia denuncia e con la sanzione per ubriachezza molesta. Ieri, ha ricevuto anche la notifica del Daspo urbano che lo terrà lontano da piazza del Papa per un anno. Proprio a seguito dell’ennesimo episodio di violenza avvenuto in uno dei maggiori poli attrattivi della città, i ragazzi della Raval Family stanno valutando azioni legali per tutelare le loro attività. 

Dal mese di novembre sono state emesse dal questore di Ancona 192 misure di prevenzione, di cui 98 fogli di via obbligatori e 55 avvisi orali. Per quanto riguarda il capitolo dei Daspo non sportivi, quello emesso nei confronti del 23enne anconetano è il 39esimo applicato in 6 mesi. Si tratta di provvedimenti volti a garantire l’ordine e la sicurezza pubblica nel capoluogo dorico e nell’intera provincia, che hanno l’obiettivo di colpire persone socialmente pericolose e aumentare la percezione di sicurezza tra i cittadini che rispettano le regole. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA