Mercoledì universitario e movida fracassona: multato un locale, chiuso un chiosco e due vandali "espulsi" dal centro

Mercoledì universitario e movida fracassona: multato un locale, chiuso un chiosco e due vandali "espulsi" dal centro
Mercoledì universitario e movida fracassona: multato un locale, chiuso un chiosco e due vandali "espulsi" dal centro
4 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Dicembre 2021, 18:04

ANCONA - Blitz della polizia nella movida fracassona per il mercoledi universitario. L'attività ha portato alla chiusura per 5 giorni (con multa) di un chiosco di piazza Cavour che aveva organizzato una spcie di discoteca all'aperto con musica a palla e genete che ballava senza mascherina. Multato (di nuovo) un locale di piazza del Plebiscito che diffondeva musica oltre l'orario consentito. Infine, sono stati notificati due diiveiti di accesso per un anno ai locali del centro contro due giovani che si erano accaniti contro il "Vagamondo".

Non chiamateli bulli, sono veri delinquenti. Da Ancona a Pesaro, da Fermo a Macerata: viaggio nell'escalation di aggressioni, violenze e rapine per mano di giovanissimi

Ieri, durante il “mercoledì universitario”, la Squadra Amministrativa e di Sicurezza della Questura e l’UPGSP sono stati impegnati a controllare la “ Movida selvaggia” e ad assicurare il rispetto delle norme anti contagio.

Alle 23.35 un chiosco in Piazza Cavour, aveva infatti organizzato uno spettacolo musicale (risultato, a seguito degli accertamenti, non autorizzato) nel dehors della struttura e, con l’ausilio di DJ, mixer e casse acustiche, stava intrattenendo una folla di ragazzi che lì erano accorsi, con musica ad altissimo volume. Al momento del controllo amministrativo è risultato che il titolare del locale, attraverso quello spettacolo abusivo, avesse contribuito a creare un notevole assembramento di giovani, nessuno dei quali usava la mascherina, come previsto dalla normativa anti-covid. La titolare del chiosco,  è stata pertanto multata di 400 euro. Personale della Squadra Amministrativa e di Sicurezza della Questura ha inoltre imposto la sanzione accessoria della chiusura dell’esercizio commerciale per 5 giorni, come previsto dalla normativa vigente.

La stessa titolare dovrà anche pagare una multa di euro 154 per la violazione del regolamento per la disciplina di installazione e gestione dei dehors, approvato dal Comune di Ancona che vieta l’utilizzo di casse acustiche all’esterno, se non per diffusione di musica di sottofondo.

Alle ore 01.00 la segnalazione alla sala operativa è pervenuta invece per Piazza del Plebiscito, dove un consistente numero di ragazzi si era riversata per festeggiare il “mercoledì universitario”. Uno dei locali della piazza, emetteva musica ad alto volume oltre l’orario consentito dal regolamento acustico del comune di Ancona, tramite una cassa acustica posta esternamente alla struttura. Per questo il titolare del locale è stato contravvenzionato dalla Squadra amministrativa e di Sicurezza della Questura al pagamento di una sanzione di euro 516 euro. Lo stesso locale era già stato contravvenzionato dalla Polizia amministrativa della Questura per aperura notturna oltre l’orario dichiarato l’undici novembre scorso.

Nello stessa ottica di garanzia dell’ordine e della sicurezza pubblica, il personale della Divisione Anticrimine, sotto la Direzione della Dr.ssa Marina Pepe, sta provvedendo a notificare in queste ore due provvedimenti amministrativi di Divieto di Accesso alle Aree Urbane disposti dal Questore di Ancona, Dr. Cesare Capocasa, nei riguardi di altrettanti giovani, che i primi di ottobre si sono resi responsabili di aggressione, danneggiamento, lesioni, e minacce, nei confronti della titolare di un locale in Piazza del Plebiscito e di altre persone presenti sul posto, a seguito di un banale richiamo formulato nei loro riguardi a mantenere un comportamento più corretto. Nella circostanza furono anche gravemente danneggiati i mobili e le suppellettili del caffè letterario “ Il Vagamondo”, che i due giovani intesero distruggere a titolo di rivalsa nei riguardi della titolare dell’esercizio pubblico.

Per i motivi menzionati agli stessi viene inibito per un anno l’accesso a tutti i locali siti ad Ancona, tra via Pizzecolli, via Bionda, via Catena, via della Loggia, via Gramsci e piazza del Plebiscito., nonché a stazionare nei pressi degli stessi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA