Ancona, la fidanzata fugge dall'amica
e lui prende a pugni il padrone di casa

La fidanzata fugge
dall'amica e lui prende
a pugni il padrone di casa
di Stefano Rispoli
ANCONA - «Scusate, ho bevuto molto. Ho mal di testa» è l’unica giustificazione che ha saputo dare in questura, dove è stato trattenuto fino al mattino dopo la sua folle notte di eccessi. I poliziotti l’hanno dovuto rincorrere in strada per acciuffarlo e riportarlo alla ragione. Era completamente fuori di sé. Aveva quasi sfondato a calci la porta di casa di un’amica e colpito con un pugno in pieno volto il suo compagno, finito all’ospedale con il setto nasale rotto e una prognosi di 30 giorni. Tutto perché nel loro appartamento si era rifugiata la fidanzata del 25enne jesino, decisa a lasciarlo dopo l’ennesimo litigio.
 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 21 Aprile 2019, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 05:00