Crolla parte di un soffitto al cimitero, vietato pregare e portare fiori sulle tombe

Venerdì 25 Settembre 2020
ANCONA - C’è chi non può portare i fiori, né avvicinarsi alla tomba dei propri cari a causa di un cedimento strutturale del soffitto. Altri sono costretti a fare attenzione a dove mettono i piedi per l’allagamento del colombaio. Al cimitero del Pinocchio negli ultimi periodi si sono create criticità, e nonostante le numerose segnalazioni in Comune nulla è stato fatto per risolvere i problemi.

 
Nella serie 5 parte del soffitto di un passaggio che conduce ad un colombaio posto a diversi metri dal suolo ha ceduto di schianto. La zona è delimitata da un nastro da cantiere con i calcinacci rimasti ancora in terra. Una zona piuttosto ampia impedisce alle persone di portare un fiore o recarsi sulla tomba dei propri cari. Tra infiltrazioni d’acqua e crepe lungo le colonne che sostengono il soffitto si notano delle spaccature che si estendono per oltre un metro dovute alla mancanza di manutenzione ma anche al probabile scivolamento del terreno. Un angolo di degrado che colpisce gli affetti più cari. Ma i problemi al cimitero del Pinocchio non finiscono qui. Basta andare al colombaio sotterraneo alla serie 8 che si trova non distante dall’ingresso principale, per trovarsi di fronte all’intero corridoio allagato. Una perdita che va avanti da oltre un mese con l’acqua che arriva a lambire il margine inferiore delle prime lapidi. Avventurarsi lungo il corridoio significa giocarsi le calzature vista la quantità di acqua sul pavimento. Acqua chiara che molto probabilmente proviene da una condotta sotterranea che si è rotta, la stessa forse che garantisce il rifornimento idrico al cimitero del Pinocchio. Anche in questo caso non sono mancate le segnalazioni in Comune anche per porre fine al notevole spreco di acqua. Un cimitero abbandonato al suo triste destino, basti pensare che lungo il passaggio della serie 8 per segnalare la presenza di un lucernaio sfondato. Si è arrivati al punto di mettere un cartello stradale che indica i lavori in corso.
Claudio Comirato 
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA