«Vado a comprare il sushi» ed evade dai domiciliari. Arresto-bis per un 20enne: aveva massacrato di botte un uomo per un monopattino

La polizia intervenuta per arrestare l'aggressore in via Torresi
La polizia intervenuta per arrestare l'aggressore in via Torresi
2 Minuti di Lettura
Domenica 19 Giugno 2022, 19:51

ANCONA - Era ai domiciliari, ma aveva fame: così è uscito per andare a comprare del sushi, con gli stessi vestiti che indossava quando, poche ore prima, ha massacrato di botte e forse accoltellato un trentenne messicano in via Torresi. Così per il ventenne jesino, d’origine nordafricana, già noto alle forze dell’ordine, è scattato l’arresto-bis. Domani nell’udienza di convalida, oltre al reato di lesioni personali aggravate, dovrà rispondere di evasione. Una collezione di guai per il giovane che ieri pomeriggio ha aggredito un messicano davanti alla Farmacia delle Grazie, a quanto pare perché l’altro avrebbe tentato di rubargli il monopattino elettrico. Almeno questo ha raccontato, a caldo, il ventenne, arrestato dalle volanti e collocato ai domiciliari, mentre il messicano è stato portato all’ospedale dalla Croce Gialla: è stato dimesso con una prognosi di 30 giorni per una frattura al naso, vari traumi e lesioni riconducibili a un’arma da taglio. 

LEGGI ANCHE 

Si tuffa in mare, batte la testa sugli scogli e comincia a perdere sangue: choc a Portonovo, un giovane portato all'ospedale

LEGGI ANCHE 

Due morti e un ferito grave è il bilancio dell'incidente di questa mattina sull'autostrada A14, Disagi e code. Ecco dove
Ieri sera i poliziotti sono andati a verificare se il giovane aggressore fosse in casa, ma hanno scoperto che era uscito dal suo domicilio di via De Gasperi, come confermato dallo zio: subito sono scattate le ricerche. Il ragazzo è stato rintracciato nei giardini pubblici vicino alla sua abitazione, con gli stessi vestiti indossati quando ha malmenato il messicano. «Sono uscito solo per comprare il sushi», si è giustificato. È stato di nuovo arrestato e portato in questura, in attesa della direttissima di domani. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA