La Sampdoria cambia volto nella ripresa, tris in rimonta al Verona

Sabato 17 Aprile 2021 di Marco Callai
La Sampdoria cambia volto nella ripresa, tris in rimonta al Verona

Ranieri cambia e vince. Dopo un primo tempo opaco, chiuso sotto di un gol per effetto della magistrale punizione di Lazovic, il tecnico  cambia le carte e mette in campo i suoi pezzi da novanta: Candreva e Keita costruiscono subito il gol del pari (Jankto) e poi il rigore del vantaggio firmato da Gabbiadini, prima del sigillo di Thorsby su errore in uscita di Silvestri. Verona a due facce: determinato e veloce e concreto nel primo tempo, remissivo e confuso nella ripresa.

 

LA PARTITA - Ranieri adotta il turn over e lascia così in panchina Tonelli, Candreva, Gabbiadini e Quagliarella. Nuova chance per Verre e La Gumina. Juric arretra Barak in mediana e colloca Salcedo sulla trequarti, insieme a Zaccagni, con Lasagna terminale offensivo.

Il Verona prende immediatamente il comando delle operazioni. Fraseggio corto e veloce, la Sampdoria va presto in tilt. Dopo i primi lampi di Faraoni e Di Marco, gli ospiti passano al 12’: Verre “spende” un cartellino per fermare Lasagna al limite dell’area, Lazovic trasforma il successivo calcio di punizione con una perfetta soluzione vicino all’incrocio. Vantaggio meritato per l’aggressività evidenziata sin dal calcio di inizio. La Samp risponde con Verre (13’), conclusione angolata ma troppo debole per superare Silvestri, ma poi si perde dietro errori di impostazione e, soprattutto, l’incapacità di contrastare efficacemente la spinta di Lazovic e Faraoni sulle fasce. I problema di Ranieri sono anche sulle palle altre, per sua fortuna non adeguatamente sfruttate da Zaccagni (23’) e Salcedo (25’).

 

Il Verona gestisce il primo tempo a proprio piacimento, i blucerchiati sono totalmente privi negli ultimi 20 metri. Ranieri rivolta così la squadra come un calzino nell’intervallo: dentro Keita per Verre, Candreva per Damsgaard e Gabbiadini per La Gumina. Scelte subito premiate: in apertura di ripresa, dalla fascia di Candreva, il pallone per la girata di Keita deviata da Dawidowicz sui piedi di Jankto, lesto a insaccare da posizionale leggermente defilata. Il Verona va in difficoltà e poco dopo ancora il centrocampista ceco riceve centralmente, tutto solo, dalla punta ivoriana, ma bravissimo è Silvestri a salvare la sua porta in uscita.

 

Juric cerca nuovo smalto con Bessa e Tameze per Sturaro e Zaccagni. Al 72’ il perfetto lancio di Candreva favorisce il veloce inserimento in area di Keita, Tameze ingenuamente gli frana addosso e Dionisi non può che indicare il dischetto. Palla a sinistra, Silvestri a destra: Gabbiadini non fallisce la ghiotta opportunità. Gli inserimenti di Favilli, Lovato e Colley non spostano gli equilibri, è anzi la Samp a colpire ancora e questa volta Silvestri è determinante… al contrario: su punizione dal limite di Silva, il portiere sbaglia completamente i tempi d’uscita e di testa Thorsby lo castiga. In pieno recupero, Audero conserva: la sfortuna prende di mira Dawidowicz. Già protagonista in negativo in occasione del pareggio, il difensore scaligero si vede respingere una conclusione ravvicinata dal portiere della Sampdoria al 91’ e poi nell’azione successiva, prima sul colpo di testa (palo) e poi sul tap-in (Audero), la via del gol sfuma ancora. Con questa vittoria, la Sampdoria sale a quota 39: è sempre decima ma la nona posizione, occupata proprio dal Verona, dista ora soltanto 2 punti.

 

SAMPDORIA-VERONA 3-1
Sampdoria (4-4-1-1): Audero 7; Bereszynski 6,5, Colley 6, Yoshida 5,5, Augello 6,5; Jankto 6,5 (40’ st Tonelli), Thorsby 7, Silva 6, Damsgaard 5,5 (1’ st Candreva 6,5); Verre (1’ st Keita 6,5); La Gumina (1’ st Gabbiadini 7).  All. Ranieri 6,5.
Hellas Verona (3-4-2-1): Silvestri 5; Dawidowicz 6, Gunter 5,5 (32’ st Lovato), Dimarco 6; Faraoni 6, Sturaro 6 (13’ st Tameze 5), Barak 6 (32’ st Favilli), Lazovic 7; Salcedo 5,5 (36’ st Colley), Zaccagni 6 (13’ st Bessa 5,5); Lasagna 6 All. Juric 5,5.
Arbitro: Dionisi dell’Aquila 6
Reti: 14’ pt Lazovic, 1’ st Jankto, 28’ st Gabbiadini (rig), 37’ st Thorsby.
Note. Ammoniti: Verre, Yoshida, Keita, Faraoni, Dawidowicz, Tameze

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA