Atalanta dal sogno all'incubo in 3 minuti. Il Psg vince 2-1 tra il 90' e il 93'

Mercoledì 12 Agosto 2020

Uscire così fa male davvero e l’Atalanta conosce tutta l’amarezza di questa Champions per essere stata in vantaggio per 90’, grazie al bellissimo gol di Pasalic, ma per essere caduta sotto i colpi di Marquinhos e Choupo-Moting, subentrato a Icardi. Se Thomas Tuchel tira un sospiro di sollievo, perché a rischio esonero fino alla fine (era pronto Massimiliano Allegri), Gian Piero Gasperini deve ingoiare davvero un cucchiaio amaro per la fine di questa cavalcata trionfale. Nella sconfitta più amara resta quanto fatto dalla Dea in questa Champions. Ha mantenuto un modo di giocare naturale, che non si è mai modificato in base agli avversari. Anzi, Gian Piero Gasperini può cambiare la formazione titolare, ma non cambia l’anima della sua squadra. I bergamaschi fanno girare palla, alzano il pressing, vanno a ritmi alti. Il Psg se ne accorge subito. Fa fatica a prendere le misure. Si fa sorprendere subito da Gomez, si divora il vantaggio con Neymar e poi viene salvata da Navas su un colpo di testa di Hateboer. Fino al vantaggio firmato da Pasalic. Sembra fatta, ma entra Mbappé e tutto cambia. Il Psg segna con Marquinhos e Choupo-Moting e passa il turno.

LE PAGELLE

LEGGI LA CRONACA

 

Ultimo aggiornamento: 13 Agosto, 11:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA