Ascoli a caccia di un bomber aspettando la Sampdoria

Ascoli a caccia di un bomber aspettando la Sampdoria
di Anna Rita Marini
3 Minuti di Lettura
Martedì 9 Agosto 2022, 01:55

ASCOLI - A volte si ritrovano, Marco Giampaolo ritrova il suo allievo Cristian Bucchi il tutto mentre crescono le difficoltà nel reperire il nuovo bomber. Partiamo proprio dall’argomento che sta attirando di più le attenzioni, quello dell’attaccante.

Di bomber i disponibili, con le caratteristiche che servono all’Ascoli, ce ne sono pochi, e sono tutti attaccanti con ingaggi altissimi che solo pochi club di cadetteria possono permettersi. Partiamo da Cedric Gondo che non è stato convocato per la gara di Coppa Italia, su di lui adesso c’è il Pisa, poi c’è Samuel Di Carmine altro giocatore con un ingaggio elevato, vedremo se ci saranno margini per concretizzate anche perché la Cremonese è disposta a lasciarlo andare via con la rescissione del contratto. Novità potrebbero arrivare nel fine settimana.
Infine ecco spuntare nuovamente per il secondo anno consecutivo il nome di Mirko Maric del Monza. Lo scorso anno il giocatore scelse di andare a Crotone dove ha disputato 37 gare e realizzato 11 reti. Maric percepisce però un ingaggio molto alto. È stato il giocatore più pagato del Monza. L’attaccante è nato a Mostar nella Bosnia-Erzegovina il 16 maggio 1995. Rientrato al club brianzolo è di nuovo in uscita. Ma l’ostacolo maggiore e da ricondurre sempre all’ingaggio, quasi improponibile per club di Serie B. Le stesse difficoltà che sta incontrando l’Ascoli le stanno incontrando anche altri club che sono alla ricerca di un bomber, vedi il Perugia, che da settimane sta corteggiando Gondo, il Bari e altre. Sono difficoltà oggettive che aumentano di giorno in giorno l’incertezza, ma in ogni caso, uno di questi attaccanti gioco forza dovrà arrivare per dare a Bucchi il tassello che ancora gli manca. Per quanto riguarda invece Dario Saric sembra che il giocatore sia sempre intenzionato ad andare via, possibilmente in Serie A. Su di lui adesso c’è anche l’interesse del Palermo, ma il club bianconero vorrebbe evitare una cessione a una diretta concorrente.

Per uno scherzo del destino il nuovo tecnico bianconero si troverà difronte il suo ex maestro nel prossimo turno di Coppa Italia. La vittoria di domenica ottenuta a Venezia ha permesso all’Ascoli di superare il turno e di prenotare così la sfida alla Sampdoria di Marco Giampaolo, che ha superato il turno battendo la Reggina 1 a 0 con gol di un altro ex, Sabiri. Bucchi ritrova quindi il suo maestro i due erano insieme proprio nell’Ascoli nella stagione 2004-2005 che valse la promozione in Serie A del Picchio, a contribuire alla salita in Serie A furono anche i 17 gol realizzati da un Bucchi, ancora giovanissimo, in 41 partite. Al termine della stagione l’attaccante salutò l’Ascoli per accasarsi al Modena mentre Giampaolo regalò all’Ascoli dopo la promozione una tranquilla salvezza nella massima serie, per poi andare ad allenare il Cagliari. Due percorsi diversi tra due professionisti, Bucchi poi tornò in bianconero dopo qualche anno. Ad ottobre Giampaolo e il suo ex giocatore si ritroveranno da avversari l’uno alla guida della Sampdoria l’altro alla guida dell’Ascoli, il maestro che sfida l’allievo per proseguire il percorso in Coppa Italia. Una sfida che ha il sapore del grande passato bianconero. Un passato che ha visto Bucchi e Giampaolo tra i grandi protagonisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA